Industria e infrastrutture, anche Como ha le sue richieste

Industria e infrastrutture, anche Como ha le sue richieste

Oltre 200 imprenditori hanno partecipato a Torino a “Il sistema industriale a sostegno dei corridoi europei” promosso da Confindustria Piemonte e Unione industriale di Torino: ai presidenti delle Confindustrie regionali e territoriali attraversate dai Corridoi Europei si è aggiunta una rappresentanza di Medef Auvergne/Rhône-Alpes. Tra loro anche il presidente di Unindustria Como, Fabio Porro, che insieme al direttore, Antonello Regazzoni, ha rappresentato le imprese e le esigenze della provincia di Como.

Bisogna completare la TAV o meglio ancora la Nuova Linea Torino Lione

“Se vogliamo essere davvero un Paese moderno – ha detto Porro – abbiamo bisogno di reti al passo con i tempi, nei trasporti, nell’energia, nelle risorse idriche e nelle telecomunicazioni. È impensabile voler competere con i principali Hub europei se non ci dotiamo di collegamenti rapidi e moderni che non significano velocità ad ogni costo, ma efficienza, sicurezza e, in una parola, maggior competitività. Abbiamo potenzialità incredibili, siamo la seconda manifattura europea, ma rischiamo di essere frenati da infrastrutture vecchie e, purtroppo, anche molto rischiose. È stato calcolato che, se disponessimo di infrastrutture e logistica pari alla Germania, il nostro export registrerebbe un incremento di oltre il 15%. Bisogna intervenire immediatamente sulla messa in sicurezza delle attuali infrastrutture viarie, completare quelle in fase di costruzione come la TAV o meglio ancora la Nuova Linea Torino Lione, e progettarne di nuove. Purtroppo devo constatare che abbiamo un Ministro delle infrastrutture che sembra più un Ministro contro le infrastrutture. Ma, se così è, a questo punto dovrebbe essere lui a constatare di essere inadeguato per il nostro Paese e il futuro di sostenibilità e prosperità che tutti noi desideriamo. Altrimenti rischiamo di incanalarci verso un declino economico e sociale che non possiamo permetterci”.

Per quanto riguarda Como invece Porro ha citato “opere fondamentali come Pedemontana, Tangenziale di Como e variante della Tremezzina che devono essere assolutamente completate. Non ha senso lasciare queste opere incompiute perché così come sono rappresentano quasi uno spreco per non aver risolto i problemi per i quali erano state progettate. La situazione attuale infatti significa non solo un maggior costo per i trasporti di merci e persone ma anche un problema ambientale. L’inquinamento derivante dalla congestione del traffico tenderà inevitabilmente ad aumentare, con rischi anche per la salute dei cittadini. Credo che non si possa pensare al futuro guardando sempre nello specchietto retrovisore ma dobbiamo avere una visione di ampio respiro almeno per i prossimi trent’anni, così come hanno saputo avere i nostri padri quando, negli anni 60 e 70, hanno progettato e realizzato la gran parte delle infrastrutture del nostro paese. Proprio in questa prospettiva vorrei rilanciare il tema del collegamento Varese Como Lecco. Si tratta di un’opera che le imprese delle tre province stanno chiedendo da anni per rendere più competitiva l’economia di una delle aree più manifatturiere d’Italia che non può essere lasciata nell’attuale situazione di congestione che rappresenta un costo insostenibile in termini economici e sociali”.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Cancel reply

Video

Eventi

novembre 2018
lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato domenica
29 ottobre 2018 30 ottobre 2018 31 ottobre 2018 1 novembre 2018 2 novembre 2018 3 novembre 2018 4 novembre 2018
5 novembre 2018 6 novembre 2018 7 novembre 2018 8 novembre 2018 9 novembre 2018 10 novembre 2018 11 novembre 2018
12 novembre 2018 13 novembre 2018 14 novembre 2018 15 novembre 2018 16 novembre 2018 17 novembre 2018 18 novembre 2018
19 novembre 2018 20 novembre 2018 21 novembre 2018 22 novembre 2018 23 novembre 2018 24 novembre 2018 25 novembre 2018
26 novembre 2018 27 novembre 2018 28 novembre 2018 29 novembre 2018 30 novembre 2018 1 dicembre 2018 2 dicembre 2018