PNRR, tra gli obiettivi
il recupero degli scarti tessili

PNRR, tra gli obiettivi <br> il recupero degli scarti tessili

C’è anche tanto tessile nel Piano nazionale di ripresa e resilienza, che nella sezione dedicata all’economia circolare punta sul recupero del 100% del tessile. Il Piano si propone di potenziare la rete di raccolta differenziata e degli impianti di trattamento/riciclo per raggiungere questo obiettivo tramite “Textile Hubs”.

Il tessile è l’unico settore per il quale si parla di recupero al 100% mentre gli altri vanno dal 55% all’85%:  “L’obiettivo del 100% di recupero è per il tessile una sfida importante – commenta il vicepresidente di Confindustria Toscana Nord Francesco Marini – e Prato parte avvantaggiata dalla sua storica pratica di riciclo delle fibre laniere. Il distretto pratese sta già oggi compiendo in maniera diffusa un’operazione di recupero dei propri scarti di lavorazione: da filature, tessiture, rifinizioni e tintorie gli scarti possono essere instradati verso il recupero con lo status di sottoprodotti, senza essere mai classificati come rifiuti. Anche idealmente, un risultato importante, che tuttavia comporta pratiche burocratiche ancora troppo pesanti che stiamo cercando di far snellire sul piano normativo. L’altro capitolo fondamentale per il recupero è quello relativo ai capi usati, in parte destinati al riuso in quanto tali e in parte da avviare al riciclo delle fibre: sono in corso valutazioni di possibili cambiamenti normativi per semplificare anche questo processo”.

Il PNRR menziona le riforme e le aree di intervento che avranno effetto sulla realizzazione del piano sull’economia circolare, anche ai fini dell’allocazione di risorse. Sono menzionati l’ecodesign, gli ecoprodotti, la blue economy, la bioeconomia, le materie prime critiche e la tracciabilità.

“Come Confindustria Toscana Nord – conclude Marini – siamo determinati a raccogliere la sfida posta dal PNRR, incluso il possibile coinvolgimento del distretto fra i Textile Hubs. Stiamo lavorando in questa direzione, per capire opportunità, rischi e fattibilità. Il 100% di recupero non significa che ogni singolo scarto di lavorazione e ogni capo usato possano essere riutilizzati, ed esserlo interamente. Dal punto di vista tecnico oggi non è possibile e verosimilmente non lo sarà ancora per lungo tempo. Quello del recupero del 100% del tessile è un obiettivo realisticamente irrealizzabile nel giro di pochi anni. Non si può pensare che il problema dello smaltimento degli scarti non recuperabili possa essere risolto in questo modo. Sì quindi a impianti di smaltimento sul territorio toscano, con la massima urgenza: il Piano rifiuti regionale non può ignorare questo aspetto”.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Cancel reply

Video

Eventi

aprile 2021
lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato domenica
29 Marzo 2021 30 Marzo 2021 31 Marzo 2021 1 Aprile 2021 2 Aprile 2021 3 Aprile 2021 4 Aprile 2021
5 Aprile 2021 6 Aprile 2021 7 Aprile 2021 8 Aprile 2021 9 Aprile 2021 10 Aprile 2021 11 Aprile 2021
12 Aprile 2021 13 Aprile 2021 14 Aprile 2021 15 Aprile 2021 16 Aprile 2021 17 Aprile 2021 18 Aprile 2021
19 Aprile 2021 20 Aprile 2021 21 Aprile 2021 22 Aprile 2021 23 Aprile 2021 24 Aprile 2021 25 Aprile 2021
26 Aprile 2021 27 Aprile 2021 28 Aprile 2021 29 Aprile 2021 30 Aprile 2021 1 Maggio 2021 2 Maggio 2021