CTN fa scattare il segnale d’allarme

CTN fa scattare il segnale d’allarme

Le province di Lucca, Pistoia e Prato non sono quelle più colpite ma l’allarme sta già suonando e Confindustria Toscana Nord alza l’asticella dell’attenzione.

Chiaro il presidente Giulio Grossi: “Momento delicatissimo, servono serietà e senso di responsabilità. Lo diciamo da tempo: stiamo attenti perché sul manifatturiero sta per arrivare una gelata. E la gelata è arrivata, più grave a livello nazionale e un po’ meno nel nostro territorio, ma anche da noi la situazione comincia a farsi allarmante”.

I dati raccolti ed elaborati dal Centro Studi di Confindustria Toscana Nord segnalano per il secondo trimestre 2019 un andamento tendenziale negativo della produzione industriale manifatturiera di Lucca, Pistoia e Prato, -1,1%, a fronte del dato nazionale che segna -2,2%. L’andamento negativo a livello nazionale è confermato anche per luglio (l’aggiornamento Istat è di ieri), che registra per il manifatturiero un -1,3% sullo stesso mese del 2018.

A Prato nessun settore porta il segno più (solo i produttori di tessuti non sono molto lontani, con il loro -0,6%) e il risultato finale segna -3,4% rispetto al corrispondente trimestre 2018.

“Il momento – continua Grossi – è delicatissimo. Siamo un paese esportatore e il rallentamento dell’economia mondiale incide sui mercati, rendendoli meno ricettivi rispetto ai nostri prodotti di alta qualità, mentre d’altra parte non è pensabile competere con i paesi emergenti sul fronte dei prodotti a basso costo. Se a questo si aggiungono le limitate performance del mercato interno, si capisce bene perché stiamo producendo meno. Ma l’errore più grande che il paese potrebbe fare è vivere questa situazione come una fatalità su cui non si può incidere in alcun modo. Qualcosa si può fare, invece, e il futuro dell’economia nazionale dipenderà in gran parte da questo: rendere le nostre imprese più competitive agendo anche sui fattori di contesto legati a normative e a scelte politiche nazionali, regionali e locali. Mi associo alle richieste di attenzione al tema della crescita che lanciano i nostri presidenti Vincenzo Boccia e Alessio Ranaldo. La classe politica deve affrontare questi temi con serietà e senso di responsabilità”.

L’appello di Giulio Grossi si colloca in un momento particolarmente significativo, con il governo nazionale al varo e quello regionale prossimo a concludere il suo mandato. Due livelli, quello nazionale e quello regionale, determinanti per dare delle opportunità in più alle imprese.

“Cito – conclude Grossi – solo due dei tanti capitoli su cui le scelte della politica sono determinanti: il cuneo fiscale e contributivo e le infrastrutture. Che in Italia il cuneo sia molto elevato ce lo dicono i dati OCSE, che lo collocano, per un lavoratore senza familiari a carico, al 47,9% del totale del costo per l’azienda, uno dei più alti in assoluto della UE la cui media è del 36,1%. Dal 2000 a oggi la media europea è diminuita di 1,3 punti, in Italia è aumentata di 0,8 punti. Se parliamo di manifatturiero il cuneo è ancora più consistente: far percepire 1.500 euro netti a un dipendente, sempre single senza familiari a carico, comporta per l’azienda un costo complessivo superiore a 3.100 euro. Un’enormità: le aziende faticano a sostenere oneri di questo genere e in generale un carico fiscale e contributivo che è tassativo ridurre. Quanto alle infrastrutture, il meccanismo è chiaro: molte persone, condizionate da discorsi allarmistici, vi si oppongono pregiudizialmente e chi dovrebbe assumersi la responsabilità di far capire cosa è meglio per la collettività si adegua invece a questi timori per intercettare consensi elettorali. Così, ad esempio, i termovalorizzatori sono uno spauracchio, con il risultato che smaltire i rifiuti ha un costo esagerato, energia attraverso questi impianti non se ne produce e, per incrociare questo tema con quello fiscale, si comincia a parlare di far decadere o ridurre anche le agevolazioni per gli energivori. Serietà e senso di responsabilità di chi ci governa e ci amministra, questa è la priorità numero uno per il paese”.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Cancel reply

Video

Eventi

agosto 2020
lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato domenica
27 Luglio 2020 28 Luglio 2020 29 Luglio 2020 30 Luglio 2020 31 Luglio 2020 1 Agosto 2020 2 Agosto 2020
3 Agosto 2020 4 Agosto 2020 5 Agosto 2020 6 Agosto 2020 7 Agosto 2020 8 Agosto 2020 9 Agosto 2020
10 Agosto 2020 11 Agosto 2020 12 Agosto 2020 13 Agosto 2020 14 Agosto 2020 15 Agosto 2020 16 Agosto 2020
17 Agosto 2020 18 Agosto 2020 19 Agosto 2020 20 Agosto 2020 21 Agosto 2020 22 Agosto 2020 23 Agosto 2020
24 Agosto 2020 25 Agosto 2020 26 Agosto 2020 27 Agosto 2020 28 Agosto 2020 29 Agosto 2020 30 Agosto 2020
31 Agosto 2020 1 Settembre 2020 2 Settembre 2020 3 Settembre 2020 4 Settembre 2020 5 Settembre 2020 6 Settembre 2020