Lavoro, i distretti tirano le somme

Lavoro, i distretti tirano le somme

La Lombardia deve cambiare passo dopo un anno di attesa, Prato sembra averlo fatto già nel primo semestre del 2015. Sono difformi i dati che arrivano da due distinte indagini portate avanti in Lombardia e in Toscana sul mercato del lavoro.

In Lombardia non mancano i segnali positivi, in particolare tra le aziende medium e high tech, oltre alle conferme di alcune peculiarità tutte lombarde. In particolare si conferma l’alto tasso di femminilizzazione, una lieve contrazione dei contratti a tempo indeterminato, e la grande attenzione delle imprese ai programmi di welfare aziendale. Luci e ombre dell’indagine ‘Il Lavoro in Lombardia – Rapporto 2015’ effettuata dal Centro studi di Confindustria Lombardia, in collaborazione con l’Università Cattaneo – LIUC, su un campione di 1.430 imprese rappresentativo di tutte le province lombarde.

“Nel 2014 tra le nostre imprese è tornato un clima di fiducia e cauto ottimismo– spiega Alberto Ribolla, presidente di Confindustria Lombardia – e gli imprenditori lombardi sono da sempre molto attenti al contesto e alle novità. Questo lo dimostra lo stand-by dei contratti a tempo indeterminato in attesa delle riforme del governo, ma anche l’attenzione al welfare aziendale. Anche l’aumento della presenza delle donne in ruoli decisionali e più in generale in azienda è sinonimo di maturità imprenditoriale. La maggiore dinamicità delle imprese dei settori medium e high tech testimonia che la strada intrapresa dalle nostre imprese manifatturiere è quella giusta. Il prossimo salto è verso l’Industria 4.0″.

Per quanto riguarda i numeri il 2014 ha registrato una lieve ma diffusa contrazione del numero di lavoratori dipendenti con contratto a tempo indeterminato (-1.6% rispetto al 2013). Le imprese dei settori a maggiore intensità tecnologica brillano inoltre per la più alta incidenza di nuove assunzioni a tempo indeterminato (rispettivamente il 35.6% e il 52.2% del totale assunzioni) e maggior ricorso a strumenti di welfare (li utilizza rispettivamente il 46,7% delle MHT e il 52.5% delle HT).

A Prato invece il primo semestre 2015 ha confermato il saldo positivo avviamenti/cessazioni del mercato del lavoro. +22% per gli italiani, molte le assunzioni nell’industria e artigianato, aumentano i contratti a tempo indeterminato. Sempre in difficoltà i giovani, ma c’è qualche spiraglio.

Sul piano delle assunzioni rallentano i cinesi che si fermano a un +10%: oltre il 40% delle assunzioni avviene nell’industria e nell’artigianato e crescono i contratti a tempo indeterminato. I numeri a Prato quindi sono migliori di quelli nazionali, in particolare per i tempi determinati. L’unico neo riguarda ancora i giovani: per la fascia dai 26 ai 29 anni il saldo rimane negativo, ma più contenuto rispetto al semestre 2014.

Il report gennaio-giugno 2015 è stato presentato dal presidente della Provincia Matteo Biffoni, dal direttore del Centro per l’impiego Michele Del Campo e dalla responsabile del settore Lavoro della Provincia Franca Ferrara. “E’ come si fosse accesa una candela in una stanza buia. I dati che presentiamo – ha detto Biffoni – raccontano un’inversione di tendenza che spero si rafforzi e stabilizzi nei dati dell’intero 2015 Le cose a Prato vanno meglio che a livello nazionale. E’ un segnale che mi auguro rispetti la consuetudine del nostro distretto: anticipare le crisi ma anche le riprese economiche rispetto al resto del paese”.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Cancel reply

Video

Eventi

ottobre 2020
lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato domenica
28 Settembre 2020 29 Settembre 2020 30 Settembre 2020

Categoria: GeneralPremière Vision New York

Première Vision New York
1 Ottobre 2020

Categoria: GeneralPremière Vision New York

Première Vision New York
2 Ottobre 2020 3 Ottobre 2020 4 Ottobre 2020
5 Ottobre 2020 6 Ottobre 2020 7 Ottobre 2020

Categoria: GeneralFilo

Filo
8 Ottobre 2020

Categoria: GeneralFilo

Filo
9 Ottobre 2020 10 Ottobre 2020 11 Ottobre 2020
12 Ottobre 2020 13 Ottobre 2020 14 Ottobre 2020 15 Ottobre 2020 16 Ottobre 2020 17 Ottobre 2020 18 Ottobre 2020
19 Ottobre 2020 20 Ottobre 2020 21 Ottobre 2020 22 Ottobre 2020

Categoria: GeneralThe London Textile Fair

The London Textile Fair
23 Ottobre 2020

Categoria: GeneralThe London Textile Fair

The London Textile Fair
24 Ottobre 2020 25 Ottobre 2020
26 Ottobre 2020 27 Ottobre 2020 28 Ottobre 2020 29 Ottobre 2020 30 Ottobre 2020 31 Ottobre 2020 1 Novembre 2020