Pitti Filati chiude all’insegna della continuità

Pitti Filati chiude all’insegna della continuità

Non c’è stata una crescita, ma era anche arduo ipotizzarla, ma i numeri di Pitti Filati 84 hanno portato una sostanziale e positiva stabilità rispetto ad un anno fa, con circa 4.300 compratori arrivati alla Fortezza da Basso nei tre giorni di salone.

E la nota forse più positiva è che il mercato interno è vivo e senza cali. Oltre 50 i paesi esteri di provenienza dei visitatori: “Ancora una volta – dice Raffaello Napoleone, amministratore delegato di Pitti Immagine – Pitti Filati esprime al meglio il grande lavoro di ricerca e gli investimenti sull’innovazione che stanno facendo le nostre filature  I feedback che ho raccolto sono tutti molto positivi, i compratori internazionali hanno molto apprezzato le nuove collezioni presentate dalle filature d’eccellenza italiane ed estere, e si è trattato di un pubblico selezionato e qualificatissimo di designer, uffici stile e operatori del settore arrivati da tutto il mondo, alcuni dei quali ospitati al salone anche grazie al piano di incoming sostenuto da Mise e Agenzia Ice. Sottolineo la grande attenzione riservata dal nostro pubblico ai due progetti-installazione novità di questa edizione – Techno-Luxury in collaborazione con Carvico e Jersey Lomellina, e CustomEasy sui trattamenti di customizzazione, realizzato assieme agli espositori, i maglifici di Knitclub e l’azienda Intex – che hanno presentato un ulteriore ampliamento del lavoro sull’innovazione proposto da Pitti Filati. E poi un pubblico numeroso ed entusiasta ha accolto le collezioni in sfilata degli studenti del Master in Creative Knitwear Design di Accademia Costume e Moda e Modateca Deanna, uno degli eventi speciali in calendario, così come risultati straordinari li ha raccolti lo Spazio Ricerca curato da Angelo Figus e Nicola Miller: è piaciuto tantissimo anche a questa edizione, anticipando i temi dei filati della prossima estate in modo creativo e sorprendente”.

A fare da negativo contraltare alla tenuta sostanziale del fronte estero (Regno Unito, Francia, Stati Uniti, Svizzera, Russia, Spagna, Olanda e Turchia) c’è stato il calo di Giappone e soprattutto Germania, due mercati non propriamente minori.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Cancel reply

Video

Eventi

gennaio 2020
lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato domenica
30 Dicembre 2019 31 Dicembre 2019 1 Gennaio 2020 2 Gennaio 2020 3 Gennaio 2020 4 Gennaio 2020 5 Gennaio 2020
6 Gennaio 2020 7 Gennaio 2020

Category: GeneralHeimtextil

Heimtextil
8 Gennaio 2020

Category: GeneralHeimtextil

Heimtextil
9 Gennaio 2020

Category: GeneralHeimtextil

Heimtextil
10 Gennaio 2020

Category: GeneralHeimtextil

Heimtextil
11 Gennaio 2020 12 Gennaio 2020
13 Gennaio 2020 14 Gennaio 2020 15 Gennaio 2020 16 Gennaio 2020 17 Gennaio 2020 18 Gennaio 2020 19 Gennaio 2020
20 Gennaio 2020 21 Gennaio 2020 22 Gennaio 2020 23 Gennaio 2020 24 Gennaio 2020 25 Gennaio 2020 26 Gennaio 2020
27 Gennaio 2020 28 Gennaio 2020 29 Gennaio 2020 30 Gennaio 2020 31 Gennaio 2020 1 Febbraio 2020 2 Febbraio 2020