Cna Toscana Centro: i dati della crisi a Prato e Pistoia

Cna Toscana Centro: i dati della crisi a Prato e Pistoia

“L’emergenza Covid 19 rischia di falcidiare le imprese del distretto pratese e pistoiese”. A lanciare l’allarme è Claudio Bettazzi, presidente di Cna Toscana Centro che, pur ritenendo prioritarie e irrinunciabili le misure imposte dal Governo per limitare i contagi da coronavirus, snocciola con preoccupazione i dati di un primo report effettuato su tutti gli associati a distanza di un solo giorno dall’entrata in vigore del lockdown generale.

Oltre il 50% della nostra base associativa ha chiuso i bandoni e non esercita più alcuna attività – rileva infatti Bettazzi –  Parliamo di oltre 3.000 imprese totali su Prato e Pistoia e se guardiamo al nostro indotto dei lavoratori, considerando la media toscana poco al di sotto dei 2 addetti per impresa, significa che almeno oltre 10.000 dipendenti sono a casa senza poter lavorare, e per migliaia è già scattato il ricorso alla cassa integrazione. Ad oggi le domande di ammortizzatori sociali tra Prato e Pistoia riguardano oltre 500 aziende per 3.500 lavoratori mentre si registra un boom di 400 richieste per l’attivazione del bonus da 600 euro. Non solo. Anche nelle attività legate alle filiere essenziali, con codici Ateco che autorizzano la produzione, ci segnalano un’operatività ridotta al 20-30%, quindi ben lontana dal trend che ci saremmo aspettati. Va da sé che la preoccupazione è altissima, sia per i rischi sul fronte sanitario sia per la tenuta dei sistemi economici”.

La preoccupazione maggiore manifestata dagli associati appartenenti a tutti i settori è che salti il sistema di pagamenti e questo avrebbe pesanti ricadute nel comparto contoterzi.

“Dobbiamo già adesso agire guardando al futuro, consapevoli che bisognerà ripensare il nuovo modello di sviluppo dei territori, delle città, dell’economia in generale – prosegue Bettazzi –  le azioni che i governi stanno intraprendendo sono coraggiose e necessarie, ma l’aumento del debito pubblico dovrà andare di pari passo con misure di cancellazione del debito privato. Proteggere l’occupazione e la capacità produttiva in un momento di drammatica perdita di guadagni richiede un  sostegno immediato in termini di  liquidità”.

Le proposte concrete di CNA Toscana Centro sono sostegni mirati alla liquidità del contoterzi; interventi fiscali per le imprese; l’erogazione di liquidità diffusa alle imprese senza tener conto del merito creditizio; semplificazione e sburocratizzazione; procedure semplificate per l’affidamento dei lavori pubblici; sblocco dei contributi alla filiera del cinema;superamento dei vincoli di stabilità anche per i Comuni; progetti di rilancio di centri storici e promozione dei territori e rilancio del turismo e delle produzioni locali come leva di rafforzamento dell’economia interna. In più Bettazzi chiede quanto prima tavoli di confronto tra istituzioni e associazioni di categoria.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Cancel reply

Video

Eventi

maggio 2020
lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato domenica
27 Aprile 2020 28 Aprile 2020 29 Aprile 2020 30 Aprile 2020 1 Maggio 2020 2 Maggio 2020 3 Maggio 2020
4 Maggio 2020 5 Maggio 2020 6 Maggio 2020 7 Maggio 2020 8 Maggio 2020 9 Maggio 2020 10 Maggio 2020
11 Maggio 2020 12 Maggio 2020 13 Maggio 2020 14 Maggio 2020 15 Maggio 2020 16 Maggio 2020 17 Maggio 2020
18 Maggio 2020 19 Maggio 2020 20 Maggio 2020 21 Maggio 2020 22 Maggio 2020 23 Maggio 2020 24 Maggio 2020
25 Maggio 2020 26 Maggio 2020 27 Maggio 2020 28 Maggio 2020 29 Maggio 2020 30 Maggio 2020 31 Maggio 2020