Como, aprile poco dolce… stabilità

Como, aprile poco dolce… stabilità

Un mese dopo la fine di aprile arrivano da Como i consueti risultati dell’indagine congiunturale di Unindustria Como, dalla quale traspare una situazione di stabilità. “Non è una cosa che ci entusiasma – sottolinea il presidente Fabio Porro – perché la sensazione è che sia il frutto di una attesa generalizzata, mentre avremmo preferito leggere dati più incoraggianti. È probabile che le tensioni internazionali come, ad esempio, le reciproche minacce commerciali tra Usa e Cina, e il dilatarsi di una crisi tutta italiana rispetto ad un Governo che ha avuto una lunga e travagliata gestazione e solo in questi giorni ha visto la luce, abbiano indotto alla prudenza. Da parte nostra non possiamo fare altro che continuare a porre all’attenzione di tutti la necessità di una politica industriale che riesca a spingere una crescita reale che sembra non riuscire mai a partire in modo definitivo. E il percorso giusto può essere imboccato solo attraverso stimoli alla produttività, alla digitalizzazione, all’internazionalizzazione, all’innovazione. Tutte leve indispensabili per poter competere a livello globale”.

La stabilità si è concretizzata soprattutto sul versante degli ordini raccolti, sua per le piccole imprese che per quelle di maggiori dimensioni: a frenare è stato però il tessile, con la maggioranza delle aziende del comparto che hanno segnalato performance peggiori rispetto al mese di marzo.

In aprile quasi la metà delle imprese ha rilevato un livello di domanda interna (45,7%) ed estera (47,7%) stabile. Il saldo tra le imprese che hanno visto crescere gli ordinativi e quelle che hanno segnalato una diminuzione della domanda è leggermente negativo sia per il mercato italiano (31,9% contro 22,3%) che per quello estero (27,9% contro 24,4%). Quasi due imprese su tre (63,5%) hanno comunque ordini in portafoglio sufficienti per coprire la produzione relativa a oltre un mese di attività, per il 9,7% superiori a un trimestre. Il livello della produzione industriale è rimasto invariato per il 54,5% del campione.

Le aspettative degli imprenditori comaschi per il futuro sono prudenti: il 67,7% si aspetta nelle prossime settimane altra stabilità ma continua a preoccupare l’aumento dei prezzi delle materie prime.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Cancel reply

Video

Eventi

gennaio 2021
lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato domenica
28 Dicembre 2020 29 Dicembre 2020 30 Dicembre 2020 31 Dicembre 2020 1 Gennaio 2021 2 Gennaio 2021 3 Gennaio 2021
4 Gennaio 2021 5 Gennaio 2021 6 Gennaio 2021 7 Gennaio 2021 8 Gennaio 2021 9 Gennaio 2021 10 Gennaio 2021
11 Gennaio 2021 12 Gennaio 2021 13 Gennaio 2021 14 Gennaio 2021 15 Gennaio 2021 16 Gennaio 2021 17 Gennaio 2021
18 Gennaio 2021 19 Gennaio 2021 20 Gennaio 2021 21 Gennaio 2021 22 Gennaio 2021 23 Gennaio 2021 24 Gennaio 2021
25 Gennaio 2021 26 Gennaio 2021 27 Gennaio 2021 28 Gennaio 2021 29 Gennaio 2021 30 Gennaio 2021 31 Gennaio 2021