Como e congiuntura, inizio di 2019 con stabilità

Como e congiuntura, inizio di 2019 con stabilità

Le imprese di Como, così come quelle di Lecco e Sondrio, archiviamo un marzo 2019 all’insegna di una stabilità che riguarda il 60% del campione oggetto dell’indagine congiunturale.

Gli ordini di marzo confermano i livelli del mese precedente per oltre due aziende su tre (66,7% per l’Italia e 70% nel caso dell’export): sul mercato domestico c’è un rallentamento della domanda che interessa un’impresa su quattro (25%), a fronte di una tendenza all’aumento che riguarda invece l’8,3% del campione. La domanda oltre confine rivela un andamento più favorevole e risulta caratterizzata invece da una maggior incidenza di indicazioni di aumento (20%) rispetto a quelle di diminuzione (10%).

L’attività produttiva mostra una tenuta rispetto a febbraio (63,6%) , mentre il tasso medio di utilizzo degli impianti di produzione si attesta al 73,8%, in diminuzione rispetto a quanto esaminato nell’edizione dell’Osservatorio dello scorso novembre (80,2%). Il fatturato è stabile per il 58,3% delle imprese, in aumento per un’azienda su quattro (25%) mentre in diminuzione per il restante 16,7% del campione.

Le aspettative per l’immediato futuro è di conferma della situazione.

Tra le criticità rimangono il limitato orizzonte di visibilità sugli ordini e le situazioni di insolvenza e di ritardo dei pagamenti da parte dei clienti (per un’azienda su due). E si aggiungono i prezzi delle materie prime, in crescita per oltre un’azienda su quattro (27,3%).

“Il quadro economico descritto dall’indagine sul mese di marzo – dice il presidente di Confindustria Como, Aram Manoukian – delinea una situazione di sostanziale stabilità. I numeri non riescono ancora ad esprimere quella fiducia che vorremmo rilevare tra le imprese, a maggior ragione considerando il portafoglio ordini sempre molto limitato per gran parte delle aziende. Inevitabilmente incidono i costi delle materie prime per diversi settori e situazioni di insolvenza o ritardo nei pagamenti. È indispensabile maggior collaborazione e fiducia per stimolare gli investimenti anche attraverso una politica industriale di cui, purtroppo, non si percepisce una chiara visione”.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Cancel reply

Video

Eventi

gennaio 2021
lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato domenica
28 Dicembre 2020 29 Dicembre 2020 30 Dicembre 2020 31 Dicembre 2020 1 Gennaio 2021 2 Gennaio 2021 3 Gennaio 2021
4 Gennaio 2021 5 Gennaio 2021 6 Gennaio 2021 7 Gennaio 2021 8 Gennaio 2021 9 Gennaio 2021 10 Gennaio 2021
11 Gennaio 2021 12 Gennaio 2021 13 Gennaio 2021 14 Gennaio 2021 15 Gennaio 2021 16 Gennaio 2021 17 Gennaio 2021
18 Gennaio 2021 19 Gennaio 2021 20 Gennaio 2021 21 Gennaio 2021 22 Gennaio 2021 23 Gennaio 2021 24 Gennaio 2021
25 Gennaio 2021 26 Gennaio 2021 27 Gennaio 2021 28 Gennaio 2021 29 Gennaio 2021 30 Gennaio 2021 31 Gennaio 2021