Domanda e offerta si incontrano sulla piattaforma
di Tex-Med Alliances

Domanda e offerta si incontrano sulla piattaforma <br> di Tex-Med Alliances

La web conference svolta nell’ambito dell’Open forum sull’economia circolare nel tessile del progetto europeo Tex-Med Alliances ha fatto da cornice alla presentazione della piattaforma digitale, appoggiata a un gruppo Facebook, che vuol favorire l’incontro fra domanda e offerta di stock tessili.

La piattaforma è stata pensata da Confindustria Toscana Nord – partner italiano del progetto e, nell’ambito del progetto stesso, soggetto coordinatore delle attività in tema di economia circolare – per favorire l’immissione nel mercato di stock tessili altrimenti difficili sia da collocare da parte dei venditori sia da intercettare da parte dei potenziali acquirenti. A oggi la piattaforma ospita già 800 articoli, messi a disposizione da 42 aziende italiane, spagnole e greche: numeri che, a seguito dell’interesse riscontrato nella presentazione, sono destinati a crescere.

“La piattaforma – commenta Susanna Leonelli, Project Coordinator – è un contributo importante e concreto che Tex-Med Alliances fornisce all’economia circolare nel tessile . E’ un caso evidente di convergenza di interessi: da un lato le imprese che pongono a disposizione prodotti fuori dalle loro linee attuali di vendita, dall’altro i confezionisti che possono acquisire tessuti, filati e accessori tessili di alta qualità a prezzi molto convenienti. Ma l’interesse principale soddisfatto è quello dell’ambiente: senza un mercato, questi prodotti rischierebbero di diventare un rifiuto”.

La web conference ha visto la partecipazione di 85 operatori del tessile provenienti da tutti i paesi direttamente coinvolti nel progetto europeo e da altri del bacino del Mediterraneo; oltre alla piattaforma per gli stock, sono state presentate anche le esperienze nell’economia circolare di sei imprese tessili di quattro diversi paesi.

Con questa iniziativa Tex-Med Alliances conclude una nuova tappa nel suo svolgimento, reso particolarmente complesso dalla pandemia. Avviato nel 2019, Tex-Med Alliances è finanziato dal programma europeo ENI CBC MED e ha obiettivi che abbracciano più ambiti del tessile, principalmente innovazione, internazionalizzazione e sostenibilità. La web conference sull’economia circolare si è avvalsa di strumenti compatibili con la particolare situazione ancora in atto, ricorrendo ai video per illustrare l’attività delle aziende portatrici di best practices (le italiane Dell’Orco e Villani e Filatura C4, la greca Soffa-Social Fashion Factory e la tunisina Natdyes) e le testimonianze in videoconferenza di imprese che avevano già intrattenuto relazioni commerciali di valorizzazione degli stock tessili nell’ambito del precedente progetto Tex-Med Clusters (la giordana White Silk e la tunisina Kalinka).

Tra gli interventi anche quello di Mauro Scalia, Director Sustainable Businesses di Euratex: “I temi della sostenibilità sono centrali nelle strategie di Euratex – ha detto – per motivi sia etici che di policy-making e mercato, data la crescente sensibilità ambientale e sociale che si registra presso i consumatori di abbigliamento. Vogliamo valorizzare alcune prestazioni per l’uso delle risorse del settore tessile europeo; possiamo già osservare la riduzione dell’emissione di gas serra in rapporto al valore generato e lavoriamo per promuovere l’economia circolare su larga scala. E’ un percorso che deve tenere conto di molti aspetti, comprese la salvaguardia della competitività dell’industria europea e la necessità di conseguire obiettivi condivisi in tempi e modi compatibili. Occorrono nuove regole che promuovano l’eco-design, privilegino gli acquisti ‘verdi’ delle pubbliche amministrazioni e dei consumatori, armonizzino la gestione dei rifiuti e la relativa tassazione; importante anche che le regole del Reach trovino applicazioni realistiche ed estese anche ai prodotti in ingresso in Europa. Occorrono anche nuove partnerships e un particolare valore strategico potranno averlo i ‘ReHubs’, cioè un sistema integrato basato su poli di gestione dei rifiuti tessili che saranno obbligatoriamente raccolti in maniera separata dalla fine del 2024. L’iniziativa mira a gestire quantità ingenti, che in pochi anni potrebbero raggiungere i 5,5 milioni di tonnellate; materiali che, a nostro avviso, devono diventare una risorsa nell’ottica dell’economia circolare”.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Cancel reply

Video

Eventi

giugno 2021
lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato domenica
31 Maggio 2021 1 Giugno 2021 2 Giugno 2021 3 Giugno 2021 4 Giugno 2021 5 Giugno 2021 6 Giugno 2021
7 Giugno 2021 8 Giugno 2021 9 Giugno 2021 10 Giugno 2021 11 Giugno 2021 12 Giugno 2021 13 Giugno 2021
14 Giugno 2021 15 Giugno 2021 16 Giugno 2021 17 Giugno 2021 18 Giugno 2021 19 Giugno 2021 20 Giugno 2021
21 Giugno 2021 22 Giugno 2021 23 Giugno 2021 24 Giugno 2021 25 Giugno 2021 26 Giugno 2021 27 Giugno 2021
28 Giugno 2021

Categoria: GeneralPitti Filati

Pitti Filati
29 Giugno 2021

Categoria: GeneralPitti Filati

Pitti Filati
30 Giugno 2021

Categoria: GeneralPitti Filati

Pitti Filati
1 Luglio 2021 2 Luglio 2021 3 Luglio 2021 4 Luglio 2021