I-Sped, il successo in fiera nasce con le spedizioni

Appena iniziato il 2019 ed è già tempo di fiere. Tra le più note in Italia abbiamo Milano per il tessile, con la sua Milano Unica. Molto spesso, nelle mappe delle nostre aziende non ci sono solo Parigi, Berlino, Monaco e le più grandi mete Europee, ma anche New York, Shanghai, Hong Kong e tanti altri paesi d’oltre oceano, la cui distanza rende l’organizzazione in fiera molto più complessa.

Gli imprenditori che ci tengono a fare bella figura dedicano molto del loro tempo a curare i dettagli perché tutto vada nel verso giusto. Presenziare a una fiera con uno stand ben allestito, la merce ordinata e in ottime condizioni, e soprattutto senza ritardi nelle consegne da parte degli spedizionieri: questi sono tutti aspetti che conferiscono un’immagine perfetta e una visibilità senza pari all’interno della fiera.

Le casistiche e i rischi che si possono verificare sono molti, eppure c’è un singolo aspetto piuttosto sottovalutato quando ci si organizza per andare in fiera: le spedizioni. Se da una parte infatti pare ovvio il fatto che ci si debba affidare a uno spedizioniere che sa fare il suo mestiere, dall’altra molti imprenditori ancora non sono a conoscenza della differenza che corre tra una ditta di spedizioni generalista (ovvero che si occupa di qualsiasi tipologia di spedizione), e una ditta invece specializzata per le spedizioni in fiera.
Usanza vuole che ci si affidi nove volte su dieci all’azienda più vicina, quella consigliata da qualcuno o quella con cui si è abituati a lavorare.
Ma il problema delle spedizioni all’estero è che le complicazioni logistiche devono saper essere gestite celermente e in maniera ottimale dallo spedizioniere, perché l’imprenditore non subisca considerevoli ritardi in fiera nell’allestimento dello stand, che danneggerebbero fatturato e immagine aziendale. In realtà il rischio è più alto di quanto si pensa.

Non sempre una ditta di spedizioni generalista ha le conoscenze adatte a gestire in maniera rapida ed efficiente i problemi che possono insorgere ad esempio con i dazi doganali e le documentazioni: in queste situazioni cresce il numero di documenti da allegare, cambiano le restrizioni, e non c’è praticamente mai la stessa situazione fra un paese e l’altro.
Diversamente da quelle ordinarie, la spedizione per una fiera non può tardare nell’arrivo nemmeno di un solo giorno: il rischio di perdere il giorno di apertura della fiera comporta danni economici da svariate migliaia di euro, senza contare i danni all’immagine.

A tal proposito ecco una lista delle problematiche più comuni che il tuo spedizioniere dovrebbe saper prevedere e risolvere quando devi organizzare una spedizione all’estero:
1. Il blocco in dogana: la gestione professionale delle operazioni doganali ti garantirà che i tuoi prodotti non rimangano bloccati in dogana senza la possibilità di arrivare a destinazione. Ad esempio, per esportare negli USA i documenti e le informazioni da fornire sono molti, sia al momento dell’ingresso, sia dopo. Uno spedizioniere specializzato è anche un buon consulente, abituato ad avere a che fare con le dogane e quindi più preparato a redigere tutti i documenti in maniera ottimale.

2. La tariffa doganale: sempre in merito al problema dei blocchi doganali, è importante avere chiaro l’HS code (tariffa, voce doganale o codice TARIC) di riferimento per aiutare lo spedizioniere a fornire tutte le informazioni relative ed evitare complicazioni. L’HS code è un codice di 8 cifre che classifica la tipologia del prodotto nel circuito doganale, e lo spedizioniere deve essere in grado di suggerire al proprio cliente quello più idoneo al prodotto da esportare. Spesso succede che il codice doganale utilizzato in luogo di fiera è diverso rispetto a quello italiano e che la merce necessiti di ulteriori certificazioni e licenze all’importazione, senza le quali l verrà bloccata in dogana. Ecco perché, oltre al controllo della voce doganale in Italia, è di fondamentale importazione effettuare una doppia verifica con l’operatore doganale locale.

3. La sicurezza della spedizione: l’accortezza e l’attenzione nel maneggiare le merci imballate è fondamentale, non solo in caso di prodotti delicati o facilmente deperibili. I prodotti vanno caricati con la massima cura, e trattati durante il trasporto con estrema attenzione, per farla arrivare a destinazione in buone condizioni. Ad esempio, se utilizzi legno ricorda che molte destinazioni mondiali richiedono legno fumigato o certificato ISPM 15. Se spedisci via mare informa il tuo imballatore di proteggere il legno con dell’antimuffa perché i contenitori sono sicuri, ma talvolta può filtrare dell’acqua marina o esserci molta umidità.

4. I dazi sulla composizione del tessuto: non tutti sanno che il dazio viene calcolato sul tipo di tessuto e in particolare, sulla percentuale maggiore con cui è composto. Ad esempio, su un misto lana con 70% lana e 30%cotone, il dazio viene calcolato solo sulla lana. Talvolta in destinazioni come USA e China ritagliano un pezzetto di tessuto per farlo analizzare: è fondamentale quindi che i documenti e le etichette siano complete di queste informazioni.

5. Tracciamento della spedizione: solo una ditta di spedizioni specializzata in fiere può darti la garanzia di sapere in qualsiasi momento dove si trova la tua spedizione. Assicurati che lo spedizioniere cui decidi di rivolgerti possa assicurarti una spedizione tracciata e garantita.

6. Controllo degli orari di apertura e chiusura della fiera: in particolare nei giorni di montaggio e smontaggio. Spesso viene dato per scontato di poter lavorare a qualsiasi ora, mentre in alcuni paesi ci sono regole molto strette sulla presenza in
luoghi di lavoro, regole che cambiano da luogo a luogo.
È vero che gli spedizionieri non lavorano per danneggiare la merce o per consegnare in ritardo. Ma è altrettanto vero che ad essere davvero attrezzati per garantire che la merce arrivi in fiera in tempo, senza danni, senza intoppi e senza che venga bloccata in dogana, sono in pochi.

A oggi I-Sped è la sola azienda specializzata in spedizioni per fiere che può offrire un sistema di Active Tracking, grazie al quale chi spedisce in fiera potrà sapere sempre e in qualsiasi momento dove si trova la merce. L’azienda pratese da anni opera nel settore fieristico, gestendo tutti quei clienti che si trovano di fronte a esigenze di trasporto particolari, derivante per esempio da un ritardo di produzione, da specifiche esigenze commerciale, piuttosto che dalla particolare tipologia del prodotto spedito. Quel che è certo è che la specializzazione per le fiere offre alle aziende che spediscono in fiera una garanzia in più, rispetto a qualsiasi altra ditta di spedizioni generalista, per quanto riguarda la gestione di ciascuna delle problematiche viste nei sei punti di cui sopra, dall’attenta gestione dei dazi doganali alla presenza di un referente in loco per le doppie verifiche.
Se vuoi scoprire di più, clicca qui

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Cancel reply

Video

Eventi

aprile 2019
lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato domenica
1 Aprile 2019 2 Aprile 2019 3 Aprile 2019 4 Aprile 2019 5 Aprile 2019 6 Aprile 2019 7 Aprile 2019
8 Aprile 2019 9 Aprile 2019 10 Aprile 2019 11 Aprile 2019 12 Aprile 2019 13 Aprile 2019 14 Aprile 2019
15 Aprile 2019

Category: GeneralProposte

Proposte
16 Aprile 2019

Category: GeneralProposte

Proposte
17 Aprile 2019

Category: GeneralProposte

Proposte
18 Aprile 2019 19 Aprile 2019 20 Aprile 2019 21 Aprile 2019
22 Aprile 2019 23 Aprile 2019 24 Aprile 2019 25 Aprile 2019 26 Aprile 2019 27 Aprile 2019 28 Aprile 2019
29 Aprile 2019 30 Aprile 2019 1 Maggio 2019 2 Maggio 2019 3 Maggio 2019 4 Maggio 2019 5 Maggio 2019