Inghilterra, un mercato che cambia

Inghilterra, un mercato che cambia

Dopo il primo giorno di incontri e affari alla London Textile Fair si disegna un quadro della fiera un po’ diverso da quello abituale. Sarà un po’ di suggestione per la Brexit, che comunque ancora non si è manifestata in alcun modo, sarà per il passaggio generazionale tra il mercato basato su tatto e osservazione e quello che si è aperto al digitale ed ai like su Instagram ma la percezione degli espositori è variegata come non mai.

L’affluenza del primo giorno è stata buona, sia pure senza fiumane di persone che comunque non sono tipiche del salone londinese. Lo confermano al desk di Tessitura Vignetta, per la terza volta presente a Londra: “Rispetto al solito – dicono – c’è stata più affluenza a macchia di leopardo, con pause di qualche ora e poi 4-5 clienti tutti insieme. E’ comunque un’edizione interessante anche per noi, che siamo su questo mercato da poco tempo e che vogliamo trovare ulteriori clienti. E poi è il primo step dell’anno, quello in cui i clienti ancora non sanno bene cosa vogliono e vengono qui per avere una visione generale delle collezioni”.

Sorpreso positivamente Stefano Guarducci del Lanificio Europa: “Siamo tornati alla London Fair – spiega – dopo alcuni anni, nei quali abbiamo provato anche Texfusion. Questo ci sembra un contenitore più adatto per il nostro prodotto perché abbiamo articoli in lurex, non abbiamo la lana e quindi cerchiamo determinate tipologie di clienti, soprattutto di quelli che fanno cose di fascia più alta. Per noi anni fa questo era tra i mercati principali, ora non lo è a livello numerico ma già trovare 10-15 clienti è importante, soprattutto se, come successo, vengono nomi di rilievo che magari non vedo neanche a Parigi”.

“Sui numeri con ci possiamo lamentare – dice invece Luca Saccenti di Faisa, uno dei nomi storici della fiera di Londra – e neppure della qualità ma è chiaro che anche il mercato britannico sta cambiando, come dimostra la grande presenza di aziende turche. Il fattore prezzo sta diventando determinante, la direzione intrapresa è chiara ed è difficile anche attuare delle contromosse efficaci, soprattutto sulle collezioni estive. Ma a Londra devi esserci, perchè comunque è un’opportunità per incontrare una quarantina di persone in due giorni”.

Poi una considerazione sulle tempistiche: “In passato – conclude Saccenti – questa era l’apertura e serviva per capire orientamenti e variazioni per le collezioni. Ora tutta questa corsa agli anticipi ha confuso tutto, l’estivo si mescola con l’invernale, i gandi gruppi fanno quattro collezioni all’anno. Con questa fobia dell’anticipo alla fine ci siamo quasi mangiati un anno tornando al punto di partenza pre-anticipi”.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Cancel reply

Video

Eventi

gennaio 2019
lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato domenica
31 Dicembre 2018 1 Gennaio 2019 2 Gennaio 2019 3 Gennaio 2019 4 Gennaio 2019 5 Gennaio 2019 6 Gennaio 2019
7 Gennaio 2019 8 Gennaio 2019 9 Gennaio 2019 10 Gennaio 2019 11 Gennaio 2019 12 Gennaio 2019 13 Gennaio 2019
14 Gennaio 2019 15 Gennaio 2019 16 Gennaio 2019 17 Gennaio 2019 18 Gennaio 2019 19 Gennaio 2019

Category: GeneralInterfilière

Interfilière
20 Gennaio 2019

Category: GeneralInterfilière

Interfilière
21 Gennaio 2019 22 Gennaio 2019 23 Gennaio 2019 24 Gennaio 2019 25 Gennaio 2019 26 Gennaio 2019 27 Gennaio 2019
28 Gennaio 2019 29 Gennaio 2019 30 Gennaio 2019 31 Gennaio 2019 1 Febbraio 2019 2 Febbraio 2019 3 Febbraio 2019