La contraffazione si combatte a scuola

La contraffazione si combatte a scuola

A Firenze, non a caso sede di Pitti Uomo, è stato sottoscritto un protocollo di intesa per sviluppare nelle scuole italiane i valori della legalità combattendo la contraffazione. A firmare Ministero dello Sviluppo Economico, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, Guardia di Finanza, Confindustria, Confcommercio, Coldiretti, CNA, Fondazione Osservatorio sulla Criminalità nell’agricoltura e sul Sistema Agroalimentare, alla presenza del Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca e del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.

Gli obiettivi completi sono collaborare a iniziative di formazione e informazione per gli studenti degli istituti scolastici nazionali per favorire la diffusione dei valori della legalità; agire sulla percezione del fenomeno contraffattivo per sensibilizzare sui rischi per la salute e sui danni che il mercato dei fake goods arreca al sistema economico nazionale; innescare un cambiamento culturale che contribuisca alla riduzione della domanda di prodotti falsi a partire dalle giovani generazioni.

“Informare e formare i giovani sui danni provocati dalla contraffazione è fondamentale – ha dichiarato Antonio Franceschini, Responsabile Ufficio Promozione e Mercato Internazionale CNA che ha sottoscritto il protocollo per la Confederazione – perchè manca una piena consapevolezza di quanto di negativo comporti questo fenomeno dal punto di vista economico e sociale, un fenomeno che costa in termini di mancati introiti per le aziende e per l’erario e in termini di occupazione oltre ai rischi per la salute e la sicurezza. Ecco quindi che la scelta del CNAC di puntare sull’informare e formare i giovani, scelta già avviata da CNA con un percorso specifico, ci trova pienamente d’accordo e ci troverà partecipi nel definire un percorso di sistema”.

La contraffazione, secondo le stime dell’OCSE, riguarda il 2,5% degli scambi mondiali, per un valore di oltre 460 miliardi di dollari; in Europa le importazioni di merce contraffatta riguardano il 5% del totale, per un valore pari a 116 miliardi di dollari. L’Italia è la più colpita dopo gli Stati Uniti. Nel 2016 i sequestri effettuati dalle Dogane dell’UE hanno riguardato 41,3 milioni di articoli, per oltre 670 milioni di euro. In Italia il fatturato del falso è di circa 7 miliardi di euro, con una perdita di gettito fiscale stimata in 5,7 miliardi di euro e oltre a 100.000 posti di lavoro sottratti all’occupazione legale.

Ovviamente l’abbigliamento è il più contraffatto con gli accessori moda; poi audiovisivi e i prodotti alimentari.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Cancel reply

Video

Eventi

maggio 2019
lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato domenica
29 Aprile 2019 30 Aprile 2019 1 Maggio 2019 2 Maggio 2019 3 Maggio 2019 4 Maggio 2019 5 Maggio 2019
6 Maggio 2019 7 Maggio 2019 8 Maggio 2019 9 Maggio 2019 10 Maggio 2019 11 Maggio 2019 12 Maggio 2019
13 Maggio 2019 14 Maggio 2019

Category: GeneralTechtextil Frankfurt

Techtextil Frankfurt
15 Maggio 2019

Category: GeneralTechtextil Frankfurt

Techtextil Frankfurt
16 Maggio 2019

Category: GeneralTechtextil Frankfurt

Techtextil Frankfurt
17 Maggio 2019 18 Maggio 2019 19 Maggio 2019
20 Maggio 2019 21 Maggio 2019 22 Maggio 2019 23 Maggio 2019 24 Maggio 2019 25 Maggio 2019 26 Maggio 2019
27 Maggio 2019 28 Maggio 2019

Category: GeneralDenim by Première Vision

Denim by Première Vision
29 Maggio 2019

Category: GeneralDenim by Première Vision

Denim by Première Vision
30 Maggio 2019 31 Maggio 2019 1 Giugno 2019 2 Giugno 2019