Una moda che cresce. Più del previsto

Una moda che cresce. Più del previsto

La moda maschile italiana arriva a Pitti Uomo salutando il 2017 con numeri positivi e una crescita del +3,4%, con un turnover settoriale di 9,3 miliardi di euro. Meglio delle previsioni fatte a Pitti Uomo di gennaio, quando si era stimata una dinamica pari al +2,1%.

Questo per esportazioni più vivaci del previsto e per un mercato interno meno in calo del temuto. La moda maschile concorre al 17,2% circa del turnover complessivamente generato dalla filiera Tessile-Moda nazionale e al 27,4% circa della sola parte abbigliamento. 2017 ottimo per la maglieria (+7,6%) e  confezione (+3,4%). Male invece la camiceria e la confezione in pelle (-2,0%), malissimo le cravatte (-9,5%). Rimane fondamentale l’export (+5,2%) che indice sul fatturato per il 65,5%. Leggero calo per l’import (-0,8%).

In Italia le rilevazioni effettuate da Sita Ricerca per conto di SMI indicano una diminuzione del sell-out per la moda maschile pari al -1,5% con riferimento all’anno solare, segnando così un miglioramento rispetto agli anni appena precedenti. Nonostante, la Primavera/Estate non si fosse rivelata particolarmente favorevole (-2,6%), nella seconda metà dell’anno il settore risulta sostenuto dal comparto preponderante, il vestiario, che nel periodo luglio-ottobre vede una frenata del calo per poi invertire il trend e crescere debolmente nell’ultimo bimestre dell’anno. Nuovo cambio di passo tuttavia si registra col nuovo anno: il 2018 si è aperto, infatti, con un deciso peggioramento rispetto al gennaio-febbraio 2017.

Gli Stati Uniti, dopo l’ottima performance sperimentata nel 2015 (+12,6%), registrano per il secondo anno consecutivo una perdita (-5,1%), le vendite verso Hong Kong flettono lievemente (-0,5%), mentre l’export diretto in Cina, dopo il modesto +5,3% del 2016, accelera al +18,3%. Per l’import la Cina si conferma in assoluto top supplier a quota 19,2%, nonostante accusi un decremento del -3,5%.
Il Bangladesh, secondo supplier, vede confermare il trend di crescita.

Il 2018, con tutte le cautele del caso, sembra seguire il trend positivo (maglieria +7,7% e confezione +2,0%) con dinamiche positive per Germania, Cina e Russia, nonché per Corea del Sud e Austria.

Intanto durante la cerimonia di apertura della 94′ edizione di pitti Uomo è stato consegnato a Bagutta il premio Pitti Immagine 2018.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Cancel reply

Video

Eventi

dicembre 2019
lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato domenica
25 Novembre 2019 26 Novembre 2019 27 Novembre 2019 28 Novembre 2019 29 Novembre 2019 30 Novembre 2019 1 Dicembre 2019
2 Dicembre 2019 3 Dicembre 2019 4 Dicembre 2019 5 Dicembre 2019 6 Dicembre 2019 7 Dicembre 2019 8 Dicembre 2019
9 Dicembre 2019 10 Dicembre 2019 11 Dicembre 2019 12 Dicembre 2019 13 Dicembre 2019 14 Dicembre 2019 15 Dicembre 2019
16 Dicembre 2019 17 Dicembre 2019 18 Dicembre 2019 19 Dicembre 2019 20 Dicembre 2019 21 Dicembre 2019 22 Dicembre 2019
23 Dicembre 2019 24 Dicembre 2019 25 Dicembre 2019 26 Dicembre 2019 27 Dicembre 2019 28 Dicembre 2019 29 Dicembre 2019
30 Dicembre 2019 31 Dicembre 2019 1 Gennaio 2020 2 Gennaio 2020 3 Gennaio 2020 4 Gennaio 2020 5 Gennaio 2020