Chi la dura la vince. Anche in Cina

Un mercato non brillante come le luci dello skyline di Shanghai ma ancora meritevole di essere seguito con costanza (per i clienti storici e fedeli) e attenzione (verso i nuovi). L’edizione autunnale di Milano Unica a Shanghai, ridotta negli spazi rispetto al passato per alcune defezioni, rispecchia l’attuale situazione del colosso cinese, in movimento costante ma più lento in confronto a qualche anno fa: fine della enorme spinta propulsiva di un’economia in rapida crescita, assestamento dei consumi, graduale processo di occidentalizzazione e crisi economica globale hanno portato ad un ridimensionamento ma la Cina appare tutta tranne che un gigante con i piedi di argilla.

Così la bandiera italiana svetta orgogliosa nella hall 6, uno dei ‘petali’ che compongono il centro espositivo di Shanghai, costruito a forma di quadrifoglio, chissà se in nome della scaramanzia, che da queste parti è una cosa seria. Le poco più di settanta aziende italiane presenti a Milano Unica Shanghai hanno un angolo a loro riservato con gli stessi loghi e gli stessi colori della fiera di Rho, quello che cambia è la differenza con i competitor asiatici: sono quasi 5.000 tutti intorno e la loro presenza si avverte.

“Abbiamo visto dei clienti nuovi – dice Alessandro Jentzsch del Lanificio Cangioli – ed ora dobbiamo capire cosa fanno e come. La novità è che alcuni di loro arrivano dalla zona di Shanghai, che non è quella tipica dei clienti dei lanifici”. E se chiediamo se c’è attenzione verso i prodotti sostenibili la risposta è chiara: “Non è certo la loro priorità”.

“Il calo di adesioni c’è stato perchè le ultime edizioni sono state oggettivamente sotto tono – dice Luca Ricci di Jackytex – ma stavolta l’affluenza mi sembra positiva. Anche perchè i nostri rappresentanti hanno preparato il terreno nelle principali città cinesi. Della collezione, che è la stessa che abbiamo portato anche alle altre fiere, quello che colpisce i clienti è la fantasia”.

Marco Miliotti, di Milior, ha scelto di affidarsi alla tradizione: “Veniamo qui per incontrare i clienti fissi – spiega – perchè preferiamo lavorare con chi conosciamo come serio e affidabile, oltreché valutato dal rappresentante. Non prepariamo niente di specifico per questo mercato, al massimo personalizziamo qualcosa per alcuni clienti”.

Atmosfera distesa e positiva anche tra colleghi di aziende diverse, Matteo Dal Prà di Marzotto e Enrico De Pieri di Albini: “Stiamo andando bene – dice il primo – perchè abbiamo avuto clienti di livello e tutti su appuntamento. Non ci sono spazi per nuovi clienti, magari solo per qualche nuova linea ma di clienti abituali”. La notizia è che tra i clienti ce ne sono un paio attenti anche alla sostenibilità del tessuto che comprano, tipo Icicle. “In realtà – aggiunge De Pieri – noi abbiamo qualche articolo specifico per la Cina, rivolto a quei marchi che vogliono essere sicuri di diversificarsi dagli altri nei negozi”.

“Posso dire di essere mediamente soddisfatto – dice Michele Ferrario di Testa – perchè abbiamo avuto alcuni clienti di buona qualità più un paio nuovi ma da valutare. Molti cinesi comunque si erano già mossi per Milano Unica e quindi la fiera è più che altro un’occasione per vedersi”. Questo sposta il discorso sull’anticipo a luglio di Milano Unica: “Sono più favorevole che contrario – continua Ferrario – perchè ci sono pro e contro. I primi sono il fatto che a settembre molti nostri clienti hanno già chiuso le scelte e che dal punto di vista aziendale i costi si riducono perchè tra Prima e Milano Unica adesso ne rimane una sola; i secondi sono legati ai dubbi proprio sui clienti cinesi, per i quali luglio è forse ancora troppo presto”.

Qualche nube in più invece per Jerome Hanriot, area manager per Canclini, quindi tessuto per camiceria: “Il clima è un po’ tiepido – spiega – ma c’è da dire che già da luglio abbiamo inviato in Cina le precollezioni e quindi il dato dell’affluenza in fiera può essere falsato. Purtroppo questo sta diventando un mercato sul quale non investire molto, da leader che era è quasi il fanalino di coda, cosa che invece non è successa per i lanifici”. Sull’anticipo a luglio per l’edizione milanese invece il parere è positivo: “C’è più bilanciamento di tempi tra le due edizioni – conclude Hanriot – e quindi è un fatto positivo ma bisogna capire tutti, come intera filiera, che c’è da lavorare ad agosto, cambiando abitudini e mentalità”.

 

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Cancel reply

Video

Eventi

agosto 2019
lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato domenica
29 Luglio 2019 30 Luglio 2019 31 Luglio 2019 1 Agosto 2019 2 Agosto 2019 3 Agosto 2019 4 Agosto 2019
5 Agosto 2019 6 Agosto 2019 7 Agosto 2019 8 Agosto 2019 9 Agosto 2019 10 Agosto 2019 11 Agosto 2019
12 Agosto 2019 13 Agosto 2019 14 Agosto 2019 15 Agosto 2019 16 Agosto 2019 17 Agosto 2019 18 Agosto 2019
19 Agosto 2019 20 Agosto 2019 21 Agosto 2019 22 Agosto 2019 23 Agosto 2019 24 Agosto 2019 25 Agosto 2019
26 Agosto 2019 27 Agosto 2019 28 Agosto 2019 29 Agosto 2019 30 Agosto 2019 31 Agosto 2019 1 Settembre 2019