Logistica in Toscana: alcune ombre sulle tante luci

Logistica in Toscana: alcune ombre sulle tante luci

In condizioni “normali” i dati sull’export delle aziende di Confindustria Toscana Nord  sarebbero eccezionali ma sul futuro immediato pesano alcune ombre.

Nelle province di Lucca, Pistoia e Prato infatti l’export nel secondo trimestre del 2021 ha registrato un aumento del +51,6% rispetto al minimo di un anno fa e un incremento del 2,4% anche rispetto al periodo pre crisi (secondo trimestre del 2019).

A tracciare un quadro più completo è Federico Albini (nella foto), presidente delle sezioni trasporti e logistica di Confindustria Toscana Nord: “Il commercio mondiale è fortemente condizionato dai costi marittimi da e per la Cina – dice – che sono sestuplicati in un anno: da meno 2.000 a circa 12mila dollari per singolo container di dimensione standard. Tra le cause dell’aumento la stringente politica anticovid della Cina, che mette in lockdown intere città anche portuali non appena si verifica un solo caso di positività, le procedure adottate per le navi che attraccano e la quarantena passata dai due giorni richiesti negli altri Paesi a otto, e gli ingorghi marittimi, che portano i prezzi alle stelle. In più con l’aumentare del metallo necessario a produrli, rincarano anche i container da noleggiare”.

La difficoltà riguardano anche il trasporto su gomma: il prezzo del gasolio è passato dai 1350 euro per mille litri di gennaio ai 1523 euro rilevati a settembre. Questo anche perché in pochi usano ferrovie e oleodotti.

E tra pochi giorni scatteranno le nuove regole sul Green Pass: “Sebbene la percentuale di non vaccinati nel nostro settore sia in linea con il dato nazionale – spiega Albini – esiste un grave problema relativo al personale viaggiante, in gran parte di nazionalità estera (spesso proveniente da Paesi in ritardo con la campagna vaccinale o che hanno utilizzato vaccini non validati in Unione europea). Il rischio è quello di una fuga in massa di autisti che pur di non sottoporsi alla vaccinazione o al tampone, hanno già annunciato di voler rientrare nei loro Paesi di origine o addirittura trasferirsi in altri Stati europei, dai quali difficilmente rientreranno una volta conclusa l’emergenza sanitaria. E’ un effetto che dobbiamo considerare fin da subito, vista anche la difficoltà a trovare autisti italiani, preesistente alla crisi pandemica”.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Cancel reply

Video

Eventi

ottobre 2021
lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato domenica
27 Settembre 2021 28 Settembre 2021 29 Settembre 2021 30 Settembre 2021 1 Ottobre 2021 2 Ottobre 2021 3 Ottobre 2021
4 Ottobre 2021 5 Ottobre 2021 6 Ottobre 2021 7 Ottobre 2021 8 Ottobre 2021 9 Ottobre 2021 10 Ottobre 2021
11 Ottobre 2021 12 Ottobre 2021 13 Ottobre 2021 14 Ottobre 2021 15 Ottobre 2021 16 Ottobre 2021 17 Ottobre 2021
18 Ottobre 2021 19 Ottobre 2021 20 Ottobre 2021 21 Ottobre 2021 22 Ottobre 2021 23 Ottobre 2021 24 Ottobre 2021
25 Ottobre 2021 26 Ottobre 2021 27 Ottobre 2021 28 Ottobre 2021 29 Ottobre 2021 30 Ottobre 2021 31 Ottobre 2021