Lucca, Pistoia e Prato
Il punto di Confindustria

Lucca, Pistoia e Prato <br> Il punto di Confindustria

Incontro a tre  per fare il punto sui dati strutturali del territorio in casa Confindustria, con i presidenti di Lucca, Pistoia e Prato che proseguono nel dialogo e nel lavoro comune iniziato ormai da tempo. A Lido di Camaiore, all’insegna dello slogan “Integrarsi, rinnovarsi, crescere”, si sono di nuovo stretti la mano Cristina Galeotti, presidente dell’Unione di Lucca, Federica Landucci, di Pistoia, e Andrea Cavicchi, di Prato

“Oggi – dichiara Galeotti – ci ritroviamo, in un’ulteriore tappa del nostro cammino aggregativo. Naturalmente il percorso che abbiamo iniziato è complesso, ma non ha alternative: unicamente con la riduzione e l’accorpamento delle numerose associazioni esistenti nel sistema confederale si può realizzare l’ottimizzazione dei costi, costruire servizi più efficienti, avere maggior peso in Confindustria ed essere in grado di rispondere meglio alle esigenze delle imprese. Non possiamo non cogliere l’opportunità che questa sinergia può offrirci, al fine di partecipare al processo di sviluppo del nostro territorio, contribuendo all’affermazione di un sistema industriale che dovrà essere sempre più innovativo, internazionalizzato, che considera l’Europa come proprio ambito domestico e il mondo come proprio baricentro di mercato”.

“L’analisi che sta alla base della nostra volontà di fusione – afferma Landucci – non è solo numerica; pur se i soli numeri bastano a restituire il quadro di forte industrializzazione della nostra area. Fra Lucca Pistoia e Prato, ovvero una superficie che copre solo il 13,5% della regione insiste il 32% di stabilimenti industriali della Toscana, sono occupati il 28% dei suoi lavoratori (122.500 persone) e si forma 23% del valore aggiunto della regione, per un importo pari a 22.290 miliardi di euro. Ma siamo voluti andare oltre le cifre ed indagarne il significato più nel dettaglio. E’ emerso che nelle nostre tre province esistono molti ed importanti settori produttivi trasversali, che si consolidano lungo l’asse che da Lucca va a Prato e che ne qualificano le economie. Molti di essi rappresentano eccellenze a livello nazionale, europeo, mondiale”.

Riguardo al valore aggiunto, nell’area Lucca-Pistoia-Prato i settori industriali più rilevanti, con quote superiori al 20% del totale della Toscana, sono le costruzioni (26,6% del totale regionale), il manifatturiero in generale (25,2%) ed i servizi (22,3%). Performance importanti nell’export: sempre citando solo le quote superiori al 20% del totale della Toscana, si segnalano il cartario (86,6% del totale regionale), le macchine per l’industria, che includono macchine per il cartario, il tessile e l’alimentare (53,5%), i mezzi di trasporto (29,3%), la moda (28,4%), la gomma-plastica (25,7%), gli apparecchi elettrici (22,2%) e l’alimentare (21,8%).

“I dati sull’industria di Lucca, Pistoia e Prato confermano la nostra area come cuore manifatturiero della Toscana, oltre a sottolineare importanti realtà in settori cruciali come l’edilizia ed i servizi – conclude Cavicchi – Anche nei cambiamenti epocali che abbiamo vissuto e stiamo tuttora vivendo, i nostri sistemi territoriali hanno saputo qualificarsi e stare al passo con l’evoluzione dei mercati. Temi come l’innovazione, la sostenibilità, l’efficienza sono alla base delle strategie aziendali. Anche il sistema associativo deve seguire questo percorso: la marcia di avvicinamento reciproco che abbiamo iniziato più di due anni fa va in questa direzione. Sono processi di complessità elevata sia dal punto di vista pratico che da quello psicologico ed identitario. Anche per questo motivo è opportuno che l’integrazione avvenga all’interno di macroaree omogenee che consentano un lavoro serio e profondo di unificazione organizzativa. L’orizzonte di riferimento della dimensione regionale necessita di passaggi graduali e di consolidamenti progressivi.”

Mercati e soprattutto tendenze dei consumi sono i temi su cui è intervenuto l’ospite dell’incontro, Francesco Morace di Future Concept Lab. Il sociologo ha introdotto argomenti di attualità come la crescente attenzione alla sostenibilità ed a materiali fortemente evocativi di atmosfere e di contesti particolari, visti come elementi ispiratori della creatività nelle imprese.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Cancel reply

Video

Eventi

giugno 2019
lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato domenica
27 Maggio 2019 28 Maggio 2019

Category: GeneralDenim by Première Vision

Denim by Première Vision
29 Maggio 2019

Category: GeneralDenim by Première Vision

Denim by Première Vision
30 Maggio 2019 31 Maggio 2019 1 Giugno 2019 2 Giugno 2019
3 Giugno 2019 4 Giugno 2019 5 Giugno 2019 6 Giugno 2019 7 Giugno 2019 8 Giugno 2019 9 Giugno 2019
10 Giugno 2019 11 Giugno 2019

Category: GeneralPitti Uomo

Pitti Uomo
12 Giugno 2019

Category: GeneralPitti Uomo

Pitti Uomo
13 Giugno 2019

Category: GeneralPitti Uomo

Pitti Uomo
14 Giugno 2019

Category: GeneralPitti Uomo

Pitti Uomo
15 Giugno 2019 16 Giugno 2019
17 Giugno 2019 18 Giugno 2019 19 Giugno 2019

Category: GeneralItma

Itma
20 Giugno 2019

Category: GeneralItma

Itma

Category: GeneralPitti Bimbo

Pitti Bimbo
21 Giugno 2019

Category: GeneralItma

Itma

Category: GeneralPitti Bimbo

Pitti Bimbo
22 Giugno 2019

Category: GeneralItma

Itma

Category: GeneralPitti Bimbo

Pitti Bimbo
23 Giugno 2019

Category: GeneralItma

Itma
24 Giugno 2019

Category: GeneralItma

Itma
25 Giugno 2019

Category: GeneralItma

Itma
26 Giugno 2019

Category: GeneralItma

Itma

Category: GeneralPitti Immagine Filati

Pitti Immagine Filati
27 Giugno 2019

Category: GeneralPitti Immagine Filati

Pitti Immagine Filati
28 Giugno 2019

Category: GeneralPitti Immagine Filati

Pitti Immagine Filati
29 Giugno 2019 30 Giugno 2019