Per la moda italiana arrivano perdite senza precedenti

Per la moda italiana arrivano perdite senza precedenti

Ogni debutto di Pitti Uomo, sia pure virtuale come questa volta, non è solo il momento per ammirare le nuove collezioni ma anche per fare il punto sullo stato di salute della moda italiana, grazie ai dati congiunturali elaborati dal Centro Studi di Confindustria Moda.

Ovviamente il 2020 va in archivio come annus horribilis e la moda maschile italiana (confezione, maglieria esterna, camiceria, cravatte e abbigliamento in pelle) registra perdite senza precedenti, sia per l’export che per il deterioramento dei consumi interni. Il fatturato dovrebbe subire una contrazione nell’ordine del -18,6% rispetto al 2019, portandosi a poco meno di 8,3 miliardi di euro e bruciando, così, quasi 2 miliardi in dodici mesi.

Tutti i singoli micro-comparti hanno un segno negativo, ma il settore cravatte presenta un grave crollo. In calo anche la produzione (-18,9%). Per l’export si stima una variazione del -16,7%, del -17,9% quella dell’import.

Il quadro dei mercati internazionali è valutato sui primi nove mesi dell’anno: la UE cede il -14,5% di export e il -18,2% di import; le piazze extra-UE vanno a -19,2% per l’export e -20,1% per l’import. Tutti negativi i principali paesi di sbocco, a parte la Corea del Sud.

I primi due mercati (Svizzera e Germania)  scendono del 6,2% e 9,2%; -12,8% per la Francia, mentre Regno Unito, Stati Uniti e Spagna raggiungono tassi di decremento superiori al -20%. Il Giappone arretra del -10,4%, la Cina del -17,2%, Hong Kong del -31,2%. +1,9%, per la Corea.

Nello specifico all’estero la confezione cede il -18,2%, la maglieria il -14,0%. Mentre camiceria e abbigliamento in pelle arretrano rispettivamente del -21,5% e del -18,5%, le cravatte calano quasi del -40%. In Italia invece, a valore, confezione a -4,2%, abbigliamento in pelle a -6,8& e cravatte a -9,2%. Un po’ meglio la maglieria esterna (-2%) e la camiceria chiude (-2,9%).

Numeri che migliorano leggermente se calcolati in volume: maglieria -0,9%, confezione in pelle -1,6%, ma camiceria a-4,3% e cravatte a -5,2%. Alla voce canali di vendita resistono catene e franchising ed e-commerce, con un +5,3% e un +24,5%.

Per il 2021 le previsioni non sono rosee, anche se la ripresa sui mercati asiatici già in parte segnalata, può essere di qualche conforto.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Cancel reply

Video

Eventi

gennaio 2021
lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato domenica
28 Dicembre 2020 29 Dicembre 2020 30 Dicembre 2020 31 Dicembre 2020 1 Gennaio 2021 2 Gennaio 2021 3 Gennaio 2021
4 Gennaio 2021 5 Gennaio 2021 6 Gennaio 2021 7 Gennaio 2021 8 Gennaio 2021 9 Gennaio 2021 10 Gennaio 2021
11 Gennaio 2021 12 Gennaio 2021 13 Gennaio 2021 14 Gennaio 2021 15 Gennaio 2021 16 Gennaio 2021 17 Gennaio 2021
18 Gennaio 2021 19 Gennaio 2021 20 Gennaio 2021 21 Gennaio 2021 22 Gennaio 2021 23 Gennaio 2021 24 Gennaio 2021
25 Gennaio 2021 26 Gennaio 2021 27 Gennaio 2021 28 Gennaio 2021 29 Gennaio 2021 30 Gennaio 2021 31 Gennaio 2021