Como, ottobre nero per gli ordini

Como, ottobre nero per gli ordini

Non sono positivi i numeri congiunturali di ottobre dell’indagine rapida effettuata sul campione congiunto delle province di Como, Lecco e Sondrio. L’andamento degli ordini interni è infatti tornato in area negativa, ritornando sui livelli di novembre 2014. Dopo una buona primavera e una buona ripresa dopo i mesi estivi, il dato sugli ordini da clienti italiani è peggiorato nell’ultimo mese. Il saldo tra chi rileva un aumento (20,2%) e chi una diminuzione (40,0%) è peggiorato rispetto all’ultima rilevazione, mentre è sostanzialmente costante la quota di aziende con ordini stabili.

Rispetto a settembre sono invece immutati gli ordini dai mercati esteri. L’attività produttiva in ottobre è in miglioramento per il 32,9% del campione, invariata per il 42,7% e cala per il restante 24,4%. I volumi produttivi sono dunque buoni e il saldo positivo di settembre, mese di ripartenza dopo i fermi di agosto, è confermato in ottobre.

Il fatturato è salito per buona parte delle imprese (40,2%), stabile per il 36,6% e in diminuzione per il 23,2% ma l’analisi non lascia intravedere un prima parte d’inverno molto positiva.

“Il mese di ottobre presenta ancora una situazione in chiaro e scuro – afferma il presidente di Unindustria Como, Francesco Verga – penalizzata da una domanda interna che non è ancora ripartita seriamente. È evidente che non ha più senso parlare di crisi. Ormai è chiaro che questo è il mondo attuale, contrassegnato da andamenti spesso incoerenti e contrastanti, da mesi positivi e altri meno. Maggiori trend positivi vengono evidenziati dalle imprese che sono riuscite ad innovare e ad aprire nuovi mercati esteri. È necessaria quindi una politica industriale che sostenga la domanda interna, favorendo gli investimenti, detassando gli straordinari, insomma attuando tutte quelle manovre utili a creare il circolo virtuoso che ci permetterebbe di guardare al futuro con maggiore serenità”.

Per quanto riguarda le materie prime giungono segnali in miglioramento: rispetto ai listini di settembre, il 72,1% dei giudizi risulta improntato alla stabilità, il 9,6% alla crescita mentre il 18,4% al ribasso., mentre lo scenario occupazionale delle imprese di Lecco, Sondrio e Como risulta stabile, così come confermato nell’85% dei casi.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Cancel reply

Video

Eventi

giugno 2020
lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato domenica
1 Giugno 2020 2 Giugno 2020 3 Giugno 2020 4 Giugno 2020 5 Giugno 2020 6 Giugno 2020 7 Giugno 2020
8 Giugno 2020 9 Giugno 2020 10 Giugno 2020 11 Giugno 2020 12 Giugno 2020 13 Giugno 2020 14 Giugno 2020
15 Giugno 2020 16 Giugno 2020 17 Giugno 2020 18 Giugno 2020 19 Giugno 2020 20 Giugno 2020 21 Giugno 2020
22 Giugno 2020 23 Giugno 2020 24 Giugno 2020 25 Giugno 2020 26 Giugno 2020 27 Giugno 2020 28 Giugno 2020
29 Giugno 2020 30 Giugno 2020 1 Luglio 2020 2 Luglio 2020 3 Luglio 2020 4 Luglio 2020 5 Luglio 2020