Carlos Botero
La Colombia del tessile tra export e sviluppo

Carlos Botero <br> La Colombia del tessile tra export e sviluppo

A una dozzina abbondante di ore di volo dall’Italia c’è un Paese che vive (anche) di moda con numeri interessanti e che con l’Italia ha un rapporto diretto soprattutto a livello di meccanotessile, perché da queste parti la tecnologia italiana piace, così come il servizio post vendita offerto dalle aziende.

Carlos Eduardo Botero Hoyos è il presidente di Inexmoda, la società che organizza Colombiatex, ed il giorno che precede l’inizio della fiera ha voluto dedicarlo ad un incontro con la stampa nazionale e internazionale. In una selva di latinoamericani e qualche statunitense (ma il nome sul badge denota chiare origini in paesi di lingua spagnola) c’è anche La Spola, pronta a raccogliere gli spunti offerti dal presidente.

“Inexmoda – ha esordito Botero presentando il team di collaboratori –  è una società privata organizzatrice di saloni e fiere, quattro delle quali in Colombia dedicate al mondo della moda e del tessile, ma anche a New York e Barcellona per meeting e incontri tra gli addetti ai lavori”.

Quali sono i numeri del tessile colombiano?
I due principali pesi in cui esportiamo sono gli Usa (172 milioni di dollari) e il Messico (56 milioni), grazie anche ai trattati commerciali tra i vari paesi. Più che altro inviamo abiti e importiamo (rispettivamente per 120 e 54,7 milioni) tessuti e filati. Abbiamo il problema del plagio e dell’illegalità come altrove ma soprattutto a livello economico più che di stile.

Dove nascono questi problemi? Ha un ruolo anche la potenza cinese?
Le nostre frontiere sono molto ampie e facilmente attraversabili anche con camion e container. Insieme agli altri paesi stiamo lavorando per renderle sempre meno penetrabili e più protette. Per quanto riguarda la Cina qui in Colombia non è un fattore, almeno non quanto nei paesi asiatici. Qui, in condizioni di legalità, siamo in grado di competere con tutti e per ora non c’è un terreno fertile per la Cina.

Perché il Brasile è stato scelto come paese ospite di Colombiatex 2018?
Perché crediamo molto nel Mercosur (Brasile, Argentina, Venezuela, Uruguay e Paraguay, ndr) e ne conosciamo le opportunità commerciali.

Tema sostenibilità. Cosa fa il tessile colombiano a riguardo?
Al di là dei consumi, soprattutto di acqua, ai quali le nostre aziende stanno attente e investono in tecnologie, abbiamo il grande problema dello smaltimento di abiti usati. Consumiamo tre miliardi di abiti l’anno e questo è un problema, soprattutto nelle nazioni dove c’è una ampia rotazione delle stagioni.

A maggio, dopo tanti anni, la Colombia tornerà al voto per eleggere il nuovo presidente. Cosa vi attendete?
In realtà abbiamo molti dubbi. A prescindere dai candidati e dalla parte politica di appartenenza non mi pare che ci siano programmi e idee particolari per il settore della moda.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Cancel reply

Video

Eventi

gennaio 2021
lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato domenica
28 Dicembre 2020 29 Dicembre 2020 30 Dicembre 2020 31 Dicembre 2020 1 Gennaio 2021 2 Gennaio 2021 3 Gennaio 2021
4 Gennaio 2021 5 Gennaio 2021 6 Gennaio 2021 7 Gennaio 2021 8 Gennaio 2021 9 Gennaio 2021 10 Gennaio 2021
11 Gennaio 2021 12 Gennaio 2021 13 Gennaio 2021 14 Gennaio 2021 15 Gennaio 2021 16 Gennaio 2021 17 Gennaio 2021
18 Gennaio 2021 19 Gennaio 2021 20 Gennaio 2021 21 Gennaio 2021 22 Gennaio 2021 23 Gennaio 2021 24 Gennaio 2021
25 Gennaio 2021 26 Gennaio 2021 27 Gennaio 2021 28 Gennaio 2021 29 Gennaio 2021 30 Gennaio 2021 31 Gennaio 2021