Filo anticipa. Tra le polemiche

Filo anticipa. Tra le polemiche

22 e 23 febbraio 2017: queste le date scelte per la 47′ edizione di Filo, il salone dei filati e delle fibre che anticipa così di almeno una settimana il suo appuntamento primaverile. Una decisione arrivata dopo una serie di colloqui e incontri con gli espositori che rischia però di lasciare ‘sul campo’ qualche dissidente, ovvero qualche azienda che vede nell’anticipo una forzatura dei tempi in nome del marketing e in spregio alla qualità e alla quantità dei prodotti da esporre.

gelli2016-300Il primo ad alzare la voce e a chiamare ‘alle armi’ i colleghi è Giacinto Gelli (nella foto), titolare della pratese Fil-3 e da tempo critico nei confronti degli organizzatori di Filo sul tema delle date, che sembrano una conseguenza logica e quasi forzata dell’anticipo delle principali fiere tessili come Milano Unica e Blossom.

“Faccio un appello alle altre aziende del settore filati – dice Gelli – perché con una rinuncia alla partecipazione di dieci o più aziende ci sarebbero i margini per un ripensamento da parte degli organizzatori. Capisco che il problema degli anticipi riguardi soprattutto chi, come noi, fa prodotti di fantasia e creatività, mentre chi ha collezioni basiche può adattarsi meglio, ma toglierci due settimane di lavoro obbligandoci a fare le corse subito dopo le festività natalizie ci penalizza troppo. Abbiamo solo un mese e mezzo per lavorare sul nuovo e finiremmo con l’andare al salone con la vecchia collezione e due o tre campioncini di quella nuova”.

Anche la questione dell’anticipo delle fiere del tessile-abbigliamento ha luci e ombre per Gelli: “L’anticipo delle fiere – spiega – posso capirlo ma se i lanifici hanno tecnici bravi possono lavorare sulle precollezioni anche con filati già presentati. Credo invece che per Filo sia più un discorso di marketing e visibilità perché secondo l’organizzazione anticipare così tanto aiuta a portare visitatori stranieri. Ma ne beneficia solo chi fa basico; meglio qualcuno in meno ma a vedere collezioni completamente nuove”.

Gelli invita alla protesta anche le aziende fuori dal distretto pratese e che a Milano, già al Palazzo delle Stelline, si erano fatte sentire: “E’ ovvio che se mi troverò solo in questa battaglia dovrò arrendermi e andare a febbraio – conclude l’imprenditore – ma se uniamo le nostre forze possiamo far capire che la protesta è motivata. E che non è necessario viaggiare di pari passo con Milano Unica”.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Cancel reply

Video

Eventi

febbraio 2020
lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato domenica
27 Gennaio 2020 28 Gennaio 2020 29 Gennaio 2020 30 Gennaio 2020 31 Gennaio 2020 1 Febbraio 2020 2 Febbraio 2020
3 Febbraio 2020 4 Febbraio 2020 5 Febbraio 2020 6 Febbraio 2020 7 Febbraio 2020 8 Febbraio 2020 9 Febbraio 2020
10 Febbraio 2020 11 Febbraio 2020 12 Febbraio 2020 13 Febbraio 2020 14 Febbraio 2020 15 Febbraio 2020 16 Febbraio 2020
17 Febbraio 2020 18 Febbraio 2020 19 Febbraio 2020 20 Febbraio 2020 21 Febbraio 2020 22 Febbraio 2020 23 Febbraio 2020
24 Febbraio 2020 25 Febbraio 2020 26 Febbraio 2020 27 Febbraio 2020 28 Febbraio 2020 29 Febbraio 2020 1 Marzo 2020