PV Paris


Il presente di Filo attraverso
il futuro della moda

La prima impressione è buona. Ed è la stessa dello scorso ottobre. Filo al MiCo di Milano piace e con l’offerta degli espositori e la capacità di attirare gli addetti ai lavori del settore i numeri importanti sono assicurati.

Come già percepito a Pitti il settore dei filati sta ancora beneficiando, in lavoro e morale, dal rimbalzo positivo del mercato nel 2021: la temuta guerra in Ucraina ed il rincaro delle bollette fanno capolino dalle porte del centro espositivo milanese ma restano, per ora abbastanza ai margini.

Tomaso TrussardiIl clima tra i corridoi di Filo è decisamente positivo: tanti i visitatori già dalle prime ore di apertura, molto partecipata la conferenza stampa iniziale seguita dal dibattito “Crediamo nei giovani” ed anche il debutto dei talk (il primo, nella foto a sinistra, con Tomaso Trussardi) ha colto nel segno.

Tutto bello e tutto a posto? Probabilmente no, perché al di là della positività attuale, in tutti c’è la consapevolezza che il buon inizio del 2022 potrebbe non avere un seguito nei prossimi mesi, per i motivi già ricordati. Se da un lato l’attenuarsi della pandemia ha risollevato l’ambiente dall’altro le difficoltà nel trovare e pagare le materie prime e l’aumento del costo dell’energia rappresentano, ben che vada, motivi di grande incertezza.

Anche nel dibattito iniziale la positività ha pervaso anche un tema che, negli ultimi tempi, è finito al centro dell’attenzione più per gli aspetti negativi (reali o percepiti): l’alternanza scuola-lavoro. E’ stato l’assessore regionale Elena Chiorino a citarlo, dopo gli interventi dei giovani imprenditori che hanno raccontato in prima persona come gli stage e la formazione in

Elena Chiorino

azienda abbiano contribuito a dar loro esperienza e voglia di lavorare nel settore del tessile o della moda in generale.

“Pensare di eliminare l’alternanza – ha detto – significa fare un favore ai nostri competitor stranieri. Se un singolo o pochi sbagliano non significa che sia sbagliato il progetto. I giovani che hanno parlato a Filo non hanno certo raccontato un mondo di obblighi o sfruttamento quindi bisogna tenere tutto il buono dell’alternanza e perseguire chi sbaglia. E’ compito di tutti raccontare meglio come stanno le cose e dire chiaramente che nessuno si serve degli studenti. Compito della politica è anche investire nell’orientamento dei ragazzi, che non significa dir loro cosa fare nella vita ma dar loro tutti gli strumenti necessari per prendere la migliore delle decisioni”.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Cancel reply

Video

Eventi

giugno 2022
lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato domenica
30 Maggio 2022 31 Maggio 2022 1 Giugno 2022 2 Giugno 2022 3 Giugno 2022 4 Giugno 2022 5 Giugno 2022
6 Giugno 2022 7 Giugno 2022 8 Giugno 2022 9 Giugno 2022 10 Giugno 2022 11 Giugno 2022 12 Giugno 2022
13 Giugno 2022 14 Giugno 2022 15 Giugno 2022 16 Giugno 2022 17 Giugno 2022 18 Giugno 2022 19 Giugno 2022
20 Giugno 2022 21 Giugno 2022

Categoria: GeneralTechtextil, Heimtextil e Texprocess

Techtextil, Heimtextil e Texprocess
22 Giugno 2022

Categoria: GeneralTechtextil, Heimtextil e Texprocess

Techtextil, Heimtextil e Texprocess
23 Giugno 2022

Categoria: GeneralTechtextil, Heimtextil e Texprocess

Techtextil, Heimtextil e Texprocess
24 Giugno 2022

Categoria: GeneralTechtextil, Heimtextil e Texprocess

Techtextil, Heimtextil e Texprocess
25 Giugno 2022 26 Giugno 2022
27 Giugno 2022

Categoria: GeneralTexPremium

TexPremium
28 Giugno 2022

Categoria: GeneralTexPremium

TexPremium
29 Giugno 2022 30 Giugno 2022 1 Luglio 2022 2 Luglio 2022 3 Luglio 2022