La cassa integrazione nei conti di SMI

La cassa integrazione nei conti di SMI

Un altro grido d’allarme nel tessile, l’ennesimo, arriva da Sistema Moda Italia e riguarda l’accesso alla cassa integrazione da parte delle imprese.

L’Inps ha diffuso i dati che poi SMi ha rielaborato col Centro Studi di Confindustria Moda ed è emerso che nel periodo gennaio-aprile le ore complessivamente autorizzate (CIGO, CIGS e deroga) per l’industria Tessile-Moda risultano pari a 50.697.134.

In quattro mesi sono triplicate le ore richieste in tutto l’anno 2019 (15.176.449 ore). Ad avere un aumento consistente è stata la cassa integrazione ordinaria, che passa da 9.474.391 ore nell’anno 2019 a 48.790.881 tra gennaio e aprile. Calano, invece, le ore di cassa integrazione straordinaria e aumentano, ma in modo meno considerevole, quelle in deroga.

L’industria dell’Abbigliamento copre più ore del Tessile, fermo al 45,2% del totale. Le autorizzazioni interessano in misura prevalente (65,6% del totale Tessile-Moda) la manodopera operaia; in particolare, il 35,5% delle ore sono state autorizzate per gli operai del Tessile e il 30,1% per gli operai dell’Abbigliamento. Per quanto riguarda le ore autorizzate per gli impiegati il 15,1% riguarda il settore Tessile e il restante 19,3% l’Abbigliamento.

“Il ricorso alla cassa integrazione – dice il presidente Marino Vago – esplicita come gli imprenditori del Tessile & Abbigliamento vogliano mantenere vive e attive le imprese e preservare i posti di lavoro, nonostante le difficoltà causate dalla situazione di fermo e di caduta degli ordini. Gli imprenditori italiani sono abituati ad assumersi rischi importanti, ma sono peraltro consapevoli di essere attori determinanti nell’economia del Paese e indispensabili al mantenimento del suo tessuto sociale. La nostra filiera è delicatissima e fatta soprattutto di PMI, che stanno facendo di tutto per conservare la propria attività, auspico quindi una maggiore collaborazione sinergica tra le parti, per mantenere un sano equilibrio di ruoli e di risultati. Il Governo deve essere un indispensabile partner di sostegno per tutti noi, riconoscendo l’importante ruolo economico del nostro settore”.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Cancel reply

Video

Eventi

gennaio 2021
lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato domenica
28 Dicembre 2020 29 Dicembre 2020 30 Dicembre 2020 31 Dicembre 2020 1 Gennaio 2021 2 Gennaio 2021 3 Gennaio 2021
4 Gennaio 2021 5 Gennaio 2021 6 Gennaio 2021 7 Gennaio 2021 8 Gennaio 2021 9 Gennaio 2021 10 Gennaio 2021
11 Gennaio 2021 12 Gennaio 2021 13 Gennaio 2021 14 Gennaio 2021 15 Gennaio 2021 16 Gennaio 2021 17 Gennaio 2021
18 Gennaio 2021 19 Gennaio 2021 20 Gennaio 2021 21 Gennaio 2021 22 Gennaio 2021 23 Gennaio 2021 24 Gennaio 2021
25 Gennaio 2021 26 Gennaio 2021 27 Gennaio 2021 28 Gennaio 2021 29 Gennaio 2021 30 Gennaio 2021 31 Gennaio 2021