La giostra dei colori di IFCO

La giostra dei colori di IFCO

Istanbul Fashion Connection ha chiuso la sua edizione invernale (anche se i 16 gradi ed il sole l’hanno fatta sembrare più che altro primaverile) dopo aver visto passare dalle porte dello spazio espositivo vicino all’ex aeroporto cittadino un gran numero di visitatori.

Il salone turco dell’abbigliamento organizzato da Itkib veniva dall’aumento di visitatori a due cifre registrato nello scorso agosto e quindi le aspettative, poi confermate, erano di avere almeno la stessa quantità e qualità di buyers e addetti ai lavori.

In attesa dei numeri ufficiali c’è da registrare un nuovo passo in avanti dal punto di vista dell’organizzazione, con un programma di dibattiti, approfondimenti e talks che hanno animato i giorni di fiera. E qui è stata protagonista anche l’Italia, con il seminario tenuto da Erica Marigliani, docente e direttrice creativa dell’Accademia della Moda IUAD, sulla moda etica: una presenza di valore ad un salone che guarda all’Italia come fonte di ispirazione (tanti i nomi di brand turchi che richiamano Milano, Roma o cognomi dal suono inconfondibile) ma che non si rivolge all’Italia, o almeno lo fa in modo molto limitato, come mercato di destinazione o di approvvigionamento.

La lingua più ascoltata nei corridoi, oltre al turco, è sicuramente il russo: i prodotti di abbigliamento turchi sono infatti appannaggio di un bacino che spazia dall’Europa dell’est all’Asia e al Medio Oriente. Un mix di gusti e religioni che prevede abiti diversi, colori diversi e accessori diversi: dominano ancora i toni più accesi, l’abbondanza di lustrini e paillettes, anche negli abiti più formali, ma non mancano, per l’appunto tra i brand di ispirazione più “italiana” approcci sartoriali più pacati e colori pastello.

Punto debole, soprattutto in ottica marketing e comunicazione, la scarsa propensione a manifestare l’approccio alla sostenibilità, pur perseguito ed in crescita: anche chi è sostenibile non lo fa sapere. Se da un lato abbondano gadgets e modelle all’ingresso degli stand, dall’altro pochissimi brand hanno apposto sui vetri o vicino agli abiti esposti, i loghi delle certificazioni, che siano quelle della lana o del cotone.

E questo è un altro passo da fare per la crescita di IFCO.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Cancel reply

Video

Eventi

febbraio 2024
lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato domenica
29 Gennaio 2024 30 Gennaio 2024

Categoria: GeneralMilano Unica

Milano Unica
31 Gennaio 2024

Categoria: GeneralMilano Unica

Milano Unica
1 Febbraio 2024

Categoria: GeneralMilano Unica

Milano Unica
2 Febbraio 2024 3 Febbraio 2024 4 Febbraio 2024
5 Febbraio 2024 6 Febbraio 2024

Categoria: GeneralPremière Vision Paris

Première Vision Paris
7 Febbraio 2024

Categoria: GeneralPremière Vision Paris

Première Vision Paris

Categoria: GeneralIFCO

IFCO
8 Febbraio 2024

Categoria: GeneralPremière Vision Paris

Première Vision Paris

Categoria: GeneralIFCO

IFCO
9 Febbraio 2024

Categoria: GeneralIFCO

IFCO
10 Febbraio 2024

Categoria: GeneralIFCO

IFCO
11 Febbraio 2024
12 Febbraio 2024 13 Febbraio 2024 14 Febbraio 2024 15 Febbraio 2024 16 Febbraio 2024 17 Febbraio 2024 18 Febbraio 2024
19 Febbraio 2024 20 Febbraio 2024 21 Febbraio 2024 22 Febbraio 2024 23 Febbraio 2024 24 Febbraio 2024 25 Febbraio 2024
26 Febbraio 2024 27 Febbraio 2024 28 Febbraio 2024 29 Febbraio 2024 1 Marzo 2024 2 Marzo 2024 3 Marzo 2024