Londra, un sold out sotto il sole

Londra, un sold out sotto il sole

Temperature non propriamente londinesi e spazi del Business Design Centre completamente esauriti per The London Textile Fair, che stamani è iniziata sotto un cielo sì un po’ grigio ma con oltre 25 gradi sul termometro a riscaldare la metropoli britannica.

Già dalle 9 i corridoi del centro espositivo di Islington si sono riempiti di visitatori e buyer inviati dai brand inglesi: all’ingresso subito il pannello dei produttori di tessuti francesi, poi subito lo spazio tendenze e, sulla balconata, i tessitori turchi che, supportati dal loro governo, hanno rafforzato la presenza in fiera e hanno distribuito borse in tela bianconere per pubblicizzare l’associazione.

Lucia Dato ComotexUna concorrenza forte per le aziende italiane, comunque ancora le più presenti a presidiare la grande sala centrale e parte delle balconate: “Magari avessimo noi il loro supporto per partecipare alle fiere – dice Lucia Dato di Comotex (nella foto a lato), una delle nove ditte italiane presenti per la prima volta alla fiera londinese – ed invece ci dobbiamo arrangiare. Noi siamo qui perchè, pur avendo già alcuni clienti fidelizzati, vogliamo vedere se questo mercato può evolversi. Le differenze di prezzo tra i nostri prodotti e quelli stranieri è ancora determinante ma alla fine chi pensa di risparmiare poi perde soldi e tempo nel cercare di risolvere problemi che la nostra qualità e la nostra esperienza non danno. E’ la ricerca ad allontanarci della fascia più bassa e a differenziarci dagli altri”.

Avvio con ritmi consueti per Faisa, che ha mandato a Londra Luciano Biagiotti, mentre Luca e Daniele Saccenti, i titolari e figli del patron Roberto, si dividono tra View a Monaco e una foera di rappresentanti a Parigi, in questo vortice di saloni che inizia a maggio e non si ferma fino a ottobre: “Dopo una Milano Unica positiva – dice Biagiotti – siamo anche qui perchè la fiera resta molto viva e interessante. Per ora sono venuti solo inglesi ma in genere si aggiunge qualche belga e rispetto a Milano Unica siamo riusciti ad aggiungere anche una decina di articoli nuovi alla collezione. In ogni caso, qualità o meno, la prima domanda di chi si siede al tavolo è sempre sul prezzo; effetti della Brexit qui non ne vediamo ma quelli sull’avvento dell’euro sì e mi pare che siano stati poco positivi per noi, perchè la gente ha sempre meno soldi in tasca”.

Su una delle balconate c’è anche Thermore, che a Londra è venuta per Texfusion e rimane per Pure Origin, alla seconda edizione dopo un febbraio non esaltante: “Il mercato britannico non è nuovo per noi – dicono allo stand – ma ci stiamo investendo con decisione solo da pochi anni e vogliamo capire se la strada intrapresa è giusta o no. In fiera cerchiamo di consolidare i rapporti con i clienti fuori dalla loro realtà aziendale ma possiamo anche accogliere i potenziali clienti più interessati, anche se abbiamo dei minimi di ordinazione. Comunque il capospalla imbottito bene o male lo stanno facendo in tanti e quindi la nostra collezione, basata soprattutto su Ecodown Fibers, è adatta anche la London Textile Fair, che vede nostri articoli anche nello spazio Sustainable Angle”.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Cancel reply

Video

Eventi

giugno 2020
lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato domenica
1 Giugno 2020 2 Giugno 2020 3 Giugno 2020 4 Giugno 2020 5 Giugno 2020 6 Giugno 2020 7 Giugno 2020
8 Giugno 2020 9 Giugno 2020 10 Giugno 2020 11 Giugno 2020 12 Giugno 2020 13 Giugno 2020 14 Giugno 2020
15 Giugno 2020 16 Giugno 2020 17 Giugno 2020 18 Giugno 2020 19 Giugno 2020 20 Giugno 2020 21 Giugno 2020
22 Giugno 2020 23 Giugno 2020 24 Giugno 2020 25 Giugno 2020 26 Giugno 2020 27 Giugno 2020 28 Giugno 2020
29 Giugno 2020 30 Giugno 2020 1 Luglio 2020 2 Luglio 2020 3 Luglio 2020 4 Luglio 2020 5 Luglio 2020