Visti in fiera – Albini cammina sulla strada dell’innovazione

Visti in fiera – Albini cammina sulla strada dell’innovazione

Albini Group ha risposto presente come sempre all’appello di Milano Unica: uno stand luminoso per rappresentare le quattro linee e un progetto innovativo per sviluppare il concetto di innovazione hanno accompagnato la presentazione della collezione Autunno/Inverno 2021-22.

Proprio questa collezione è già disponibile in formato digitale grazie al nuovo passo compiuto dall’azienda in direzione dell’innovazione, seguendo una digital roadmap approntata nel 2010, con il lancio del primo e-commerce dedicato al mondo del “su-misura” sul quale oggi passa il 90% del business della linea Bespoke. Dopo un lavoro di analisi durato più di un anno Albini ha infatti sottoscritto un accordo con Oracle, la multinazionale leader del mondo tech e cloud, per la creazione di una nuova piattaforma integrata B2B che prevede un go-live completo nel 2021 e porterà on-line tutte le aree di business del gruppo, dal mondo Bespoke alle collezioni stagionali, che saranno facilmente consultabili e ordinabili da parte di tutti i clienti di Albini.

Intanto Albini 1876, Albini Donna, Thomas Mason e Albiate 1830 si sono presentate a Milano Unica dopo aver già “visitato” Parigi, Barcellona, New York e Tokyo, con showroom dedicati, e Monaco di Baviera per i Fabric Days: nello stand milanese tanto cotone riciclato, la linea di abbigliamento creata con Supima, velluto e tanta sostenibilità.

“Abbiamo ridotto le varianti – spiega Stefano Albini (nella foto piccola) – ma abbiamo lavorato alla collezione in smart working anche durante il lockdown. La fiera resta importante per far vedere che il tessile italiano è vivo non solo in videoconferenza e a Milano abbiamo visto anche qualche straniero”.

A febbraio Albini fu profeta sul Covid-19 e ora analizza la situazione a virus conclamato: “Vediamo un lento ristabilimento dei lievlli di lavoro – dice – e per alcune settimane abbiamo viaggiato con i numeri del 2019 ma ci aspettiamo un calo a fine anno tra il 30 e il 40%, che paradossalmente non sarà neanche disprezzabile visto quello che è successo. Anche gli USA qualche timido segnale lo stanno dando mente in Cina i nostri clienti stanno avendo buone vendite”.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Cancel reply

Video

Eventi

gennaio 2021
lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato domenica
28 Dicembre 2020 29 Dicembre 2020 30 Dicembre 2020 31 Dicembre 2020 1 Gennaio 2021 2 Gennaio 2021 3 Gennaio 2021
4 Gennaio 2021 5 Gennaio 2021 6 Gennaio 2021 7 Gennaio 2021 8 Gennaio 2021 9 Gennaio 2021 10 Gennaio 2021
11 Gennaio 2021 12 Gennaio 2021 13 Gennaio 2021 14 Gennaio 2021 15 Gennaio 2021 16 Gennaio 2021 17 Gennaio 2021
18 Gennaio 2021 19 Gennaio 2021 20 Gennaio 2021 21 Gennaio 2021 22 Gennaio 2021 23 Gennaio 2021 24 Gennaio 2021
25 Gennaio 2021 26 Gennaio 2021 27 Gennaio 2021 28 Gennaio 2021 29 Gennaio 2021 30 Gennaio 2021 31 Gennaio 2021